IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, 25enne pestato a sangue in un locale del centro storico
Casa squillo nella periferia avellinese, nei guai una 35enne
Avellino, travolge un'auto con a bordo 4 giovani in viale Italia e fugge
Dramma sull'Ofantina, muore 21enne
Serino, cocaina nascosta nell'area pic-nic: arrestato 43enne
Atripalda, incidente sulla Variante: ferito giovane motociclista
Un Gratta e Vinci da 2 milioni di euro ad Ariano
Rimane con l'auto bloccata sui binari mentre sta passando il treno, paura per un irpino
SuperEnalotto, sfiorato il Jackpot a Montoro: centrato un 5 da 31mila euro
Fermato tir carico di detersivi e cosmetici contraffatti, denunciato l'autista

 

I Bottari di Macerata Campania al Tilt di Avellino

I Bottari di Macerata Campania

(I Bottari di Macerata Campania)
(Foto: Irpiniareport)

AVELLINO – “Tradizioni in Tilt!” è l'inedito esperimento che fa approdare il repertorio popolare nelle atmosfere da club, un caos calmo che mescola musica e cultura, locale e globale. In collaborazione con Omast Eventi, con la direzione artistica di Roberto D'Agnese, appuntamento per sabato 24 febbraio presso il “Tilt! Tattoo Bar Events” di Avellino (via Santo Spirito, start alle ore 21, ingresso libero) con "Suoni Antichi I Bottari di Macerata Campania. Percussioni rigorosamente live per un concerto che fa riecheggiare sonorità ancestrali, antiche, che mescolano la tradizione popolare, vestendola di contemporaneità. Dopo la sarabanda del Carnevale, ancora spazio a quella tradizione che parla delle nostre radici più antiche, proiettandosi, però, in ambientazioni moderne, provando a costruire un equilibrio di spazi e tempo. “Presento con grande entusiasmo – afferma il direttore artistico Roberto D’Agnese - questa collaborazione con il Tilt di Avellino proposta da Felice Caputo e che parte con questo primo appuntamento con i Bottari di Macerata Campania. È un altro tassello dell'azione di diffusione e valorizzazione delle nostre tradizioni popolari che stiamo portando avanti. La tradizione non è un patrimonio mummificato, da trattare con approccio museale. Perciò, le partecipazioni ai grandi eventi, le iniziative nelle scuole primarie e superiori, le iniziative nei club rispondono ad un'indicazione ben precisa: aprire la tradizione alla contemporaneità, farla respirare di nuova aria, senza mai smarrire la sua radice salda che affonda nel nostro passato più autentico”. Il progetto Suoni Antichi nasce nel 1999 con il nome "Le ombre colorate" nell’ambito dei festeggiamenti in onore di S. Antonio Abate, per il quale il gruppo dei fondatori nutre una profonda venerazione che si concretizza, ogni anno, nell’allestimento di un carro allegorico con il quale portare avanti la centenaria tradizione del paese di Macerata Campania. "Suoni Antichi I Bottari di Macerata Campania" è un’associazione no profit che ha lo scopo di valorizzare e diffondere, in tutte le sue forme, l'arte, la cultura e la musica, senza dimenticare mai la provenienza da Terra di Lavoro. Ad oggi, numerosissimi sono stati i momenti artistici che hanno visto protagonisti i componenti dell’Associazione. Tra i tanti, si evidenziano la partecipazione, nel 2012, al Napoli Teatro Festival e, nel 2013, al Carnevale delle Culture di Berlino, dove l’Associazione ha rappresentato l'Italia assieme ai danzatori della Scuola di Tarantella Montemaranese ed alla cantante pugliese Anna Cinzia Villani. Nel 2014, importante è stata l'esibizione all'interno del Maschio Angioino di Napoli e la partecipazione a Canalarte di Canale di Serino ed al Tocatì di Verona, Festival Internazionale dei Giochi di Strada, dove i Suoni Antichi hanno portato i ritmi tipici della loro tradizione. Nel 2015 il gruppo si è esibito nell'Amicizia Tour con nuovi brani inediti della tradizione popolare, per poi presentare il primo lavoro discografico.

Condividi