IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Aggressione al carcere di Bellizzi, detenuti in ospedale
Nascondeva la droga nella playstation, nei guai 50enne
Ovini e bovini non registrati presso un'azienda: denunciato il titolare per truffa, ricettazione e falsità in atti
Avellino, appartamento in fiamme a Borgo Ferrovia
Aiello del Sabato, sorpresi a coltivare droga nei campi. Nei guai marito e moglie
Avellino, truffatore maldestro cade per le scale e si frattura un femore
Assalto in una gioielleria, razzia di orologi e oro. Bottino da quantificare
Tenta il suicidio assumendo psicofarmaci, 34enne salvata in extremis
Fiamme a un deposito, paura per i residenti della zona
Non corre pericolo di vita il 20enne colpito al volto con una mannaia da macellaio

 

Il 1980 Torella dei Lombardi, inaugurazione della mostra fotografica di Mario Cione

Il 1980 Torella dei Lombardi, inaugurazione della mostra fotografica di Mario Cione

(Il 1980 Torella dei Lombardi, inaugurazione della mostra fotografica di Mario Cione)
(Foto: Irpiniareport)

Torella dei Lombardi - «Il 1980 Torella dei Lombardi» è il titolo della mostra fotografica di Mario Cione che sarà inaugurata domani mattina, in occasione del trentaseiesimo anniversario del terribile terremoto del 23 novembre 1980, al Castello Candriano, presso la Sala Consiliare di Torella dei Lombardi con inizio alle ore 10.30. Mario Cione è originario di Torella dei Lombardi da dove si è trasferito molti anni fa per stabilirsi a Firenze. E da Firenze è tornato in Irpinia in quelle drammatiche ore del post sisma per prestare soccorso, per aiutare i suoi conterranei. Coltiva da sempre la passione per la fotografia. L’esposizione si divide in tre sezioni: “Volti”, “Torella prima”, “Torella dopo”. L’iniziativa è promossa dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con il Forum dei Giovani di Torella dei Lombardi e della Pro Loco Candriano. «E’ un’iniziativa – commenta Amado Delli Gatti, sindaco di Torella dei Lombardi – che nasce per sollecitare la memoria, per ricordare. Gli scatti di Mario Cione, perciò, rappresentano un’occasione per tenere vivo il ricordo, un’occasione che abbiamo voluto cogliere prontamente. All’inaugurazione della mostra saranno presenti gli studenti delle scuole elementari e medie perché è principalmente a loro che questa iniziativa si rivolge. E’ a loro che vogliamo arrivare perché la memoria ha bisogno di essere costantemente coltivata e ravvivata. Quest’anno l’anniversario del terremoto cade a poca distanza dalle drammatiche vicende del Centro Italia. La memoria, perciò, deve esserci anche di monito nel mettere attenzione alla tutela del territorio, alla salvaguardia dei nostri immobili, per praticare la prevenzione che è sempre utile e necessaria».

Condividi