IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Le auto storiche e da corsa sfilano a San Potito Ultra
Controlli nei frantoi irpini, multe salate per due titolari
Picchia la figlia con un bastone, arrestato padre violento
Rinvenuto cadavere in un appartamento, s'indaga
Schianto tra autobus e compattatore, paura per 10 bambini
Avellino, incidente in via Due Principati: auto sbanda e finisce nella scarpata. Ferita una ragazza
La Sala Consiliare di Palazzo Caracciolo intitolata a Pietro Foglia. Biancardi: “Mercoledì la cerimonia a un anno dalla dipartita”
Risorse idriche, il presidente Picariello (Odaf): "Ottimizzare la gestione per aumentare il contenuto di sostanza organica nei suoli"
Bloccati sull'A16 a bordo di un furgone con attrezzi da scasso e denaro contante
Atripalda, ruba prodotti nel supermercato. Denunciato dipendente

 

Il 1980 Torella dei Lombardi, inaugurazione della mostra fotografica di Mario Cione

Il 1980 Torella dei Lombardi, inaugurazione della mostra fotografica di Mario Cione

(Il 1980 Torella dei Lombardi, inaugurazione della mostra fotografica di Mario Cione)
(Foto: Irpiniareport)

Torella dei Lombardi - «Il 1980 Torella dei Lombardi» è il titolo della mostra fotografica di Mario Cione che sarà inaugurata domani mattina, in occasione del trentaseiesimo anniversario del terribile terremoto del 23 novembre 1980, al Castello Candriano, presso la Sala Consiliare di Torella dei Lombardi con inizio alle ore 10.30. Mario Cione è originario di Torella dei Lombardi da dove si è trasferito molti anni fa per stabilirsi a Firenze. E da Firenze è tornato in Irpinia in quelle drammatiche ore del post sisma per prestare soccorso, per aiutare i suoi conterranei. Coltiva da sempre la passione per la fotografia. L’esposizione si divide in tre sezioni: “Volti”, “Torella prima”, “Torella dopo”. L’iniziativa è promossa dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con il Forum dei Giovani di Torella dei Lombardi e della Pro Loco Candriano. «E’ un’iniziativa – commenta Amado Delli Gatti, sindaco di Torella dei Lombardi – che nasce per sollecitare la memoria, per ricordare. Gli scatti di Mario Cione, perciò, rappresentano un’occasione per tenere vivo il ricordo, un’occasione che abbiamo voluto cogliere prontamente. All’inaugurazione della mostra saranno presenti gli studenti delle scuole elementari e medie perché è principalmente a loro che questa iniziativa si rivolge. E’ a loro che vogliamo arrivare perché la memoria ha bisogno di essere costantemente coltivata e ravvivata. Quest’anno l’anniversario del terremoto cade a poca distanza dalle drammatiche vicende del Centro Italia. La memoria, perciò, deve esserci anche di monito nel mettere attenzione alla tutela del territorio, alla salvaguardia dei nostri immobili, per praticare la prevenzione che è sempre utile e necessaria».

Condividi