IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Pedone investito a Monteforte da un'auto pirata, è grave in ospedale
Maltempo in Irpinia, la situazione a Monteforte
Rissa nell'area industriale di Flumeri, denunciati 5 imprenditori
Covid-19, aumentano i casi a Cervinara
Cani legati e maltrattati, nei guai un pastore
Atripalda, inaugurata la mostra "La Dogana nella dogana"
Mercogliano, si aggirava intorno a un negozio con ascia e roncola. Fermato 40enne
Furto al supermercato di Monteforte, denunciata una 50enne
Furto all'istituto Amabile di Avellino, s'indaga
I militari della Caserma Berardi in gara per la solidarietà: successo ad Avellino per la staffetta nazionale "Una squadra per la ricerca"

 

"In Memoriam 23 novembre 1980", concerto dell'Orchestra Zenit 2000 al "Cimarosa"

L'auditorium del Cimarosa

(L'auditorium del Cimarosa)
(Foto: Irpiniareport)

Si terrà domani, sabato 23 novembre, alle ore 20:00, presso l’Auditorium “Vitale” del Conservatorio il concerto “In Memoriam 23 novembre 1980”. Patrocinato dal Conservatorio “Domenico Cimarosa”, presieduto da Luca Cipriano e direttore da Carmelo Columbro, l’evento è stato organizzato dal Lions Club AVELLINO HOST, presieduto da Angiola Pesiri e dall’Associazione ZENIT 2000 di Avellino e Castelli d’Irpinia. Sarà l’occasione per celebrare ancora una volta, nella forma più sublime, una ricorrenza destinata a rimanere impressa per sempre nella memoria della cittadinanza irpina. L’Orchestra da Camera ZENIT 2000, diretta dal Maestro Massimo Testa, proporrà un repertorio sinfonico di grande suggestione. Dopo l’apertura, dedicata al compositore italiano Ottorino Respighi con la sua celebre “Antiche Arie e Danze” 3° Suite per Orchestra d’Archi, il clou sarà la “Serenade after Plato’s Symposium” di Leonard Bernstein, per violino solista e Orchestra da Camera. Il brano, di matrice filosofica, scritto nel 1954, fu dedicato dal compositore - di cui lo scorso anno sono stati celebrati i 100 anni dalla nascita - alla Fondazione Koussevitzky; con i suoi riferimenti a Fedro, Pausania, Aristofane, Eriximato, Agathon, Socrate, Alcibiade, si pone come un omaggio allo sviluppo del pensiero nella memoria del passato. Ad eseguire il capolavoro, con l’Orchestra Zenit 2000, il talentuoso violinista Veaceslav Quadrini Ceaicovschi.

Condividi