IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Spara agli uccelli tra le abitazioni, nei guai un anziano
Avellino-Lanusei, al via da oggi la prevendita dei biglietti
Violenza sessuale e maltrattamenti in famiglia, arrestato 48enne di Solofra
Muore a 19 anni stroncato da un infarto, sotto choc la comunità di Chiusano e il Liceo Mancini
Caso di meningite a Solofra, bimba di sei anni trasferita al "Cotugno" di Napoli
E' irpino il pastore Maremmano-Abruzzese più bello d'Europa, medaglia d'oro a Caronte Arajani
Auto nella scarpata, conducente in ospedale
Atripalda Volleyball, buona la prima: battuto in trasferta il Cimitile
Maxi operazione antidroga in Campania, misure cautelari anche in Irpinia
Parco Eolico nei pressi dell'Oasi di Conza, il "no" delle Pro Loco irpine

 

Irpinia 7x da Cairano al mondo e viceversa con la Masterclass di Franco Dragone

Cairano

(Cairano)
(Foto: Irpiniareport)

“Basta un pizzico di sale”: è questo il tema dell’edizione 2018 del festival organizzato dall’associazione culturale “Irpinia 7X da Cairano al mondo e viceversa”, da venerdì 3 a domenica 5 agosto nel Borgo biologico – per l’occasione: Borgo felicità - sulla rupe dei Coppoloni. Tre giorni che saranno dedicati alla magia visionaria di coloro che hanno fatto di Cairano un riferimento ormai a carattere meridionale. Attraverso spettacoli di danza, musicali e teatrali, mostre d’arte, incontri e laboratori si darà soltanto un piccolo esempio di quanto Cairano promette di essere già dal prossimo settembre, con la Master class diretta da Franco Dragone. L’apertura del festival sarà affidata a un incontro sul progetto che diverrà la denominazione al Museo già pronto all’interno del Borgo: venerdì 3 agosto alle 18,30 presso il Forno Comunitario nella zona della Chiesa Madre di “Relazioni felicitanti” discuteranno il sociologo Enrico Finzi e la pittrice e scultrice Eliana Petrizzi. Alle 21 prenderà il via il programma in Piazza Teatro dove si inizierà con “la mancanza”, laboratorio di Teatro Fisico “Out & Without” che metterà in scena il primo studio sulla felicità con Ersilia Caso, Laura Forcellati, Simonetta Incarnato, Marina Parrilli, Maria Antonietta Russo e Linda Silvestri assieme alla coreografa Antonella De Angelis e all’attore Paolo Capozzo. Seguirà lo spettacolo di danza “I believe I can fly” del Centro Studi Danza diretto da Cinzia Donatiello e quindi l’esibizione del duo flauto e fisarmonica composto da Caterina D’Amore e Soccorso Cilio in musiche di Bach, Weil, Piazzolla e Gershwin. La giornata di sabato 4 agosto vedrà alle 18,30 nel Forno Comunitario il dialogo sul paesaggio tra Ugo Morelli e Generoso Picone e alle 21 in Piazza Municipio l’assegnazione del Premio Cairano Accogliente, giunto alla quarta edizione, a Michele Mazzeo. Seguirà il concerto della Banda Musicale Città di Calitri e – a cura della Pro Loco di Cairano – “Ballando sotto le stelle” con I Condor. La mattinata di domenica 5 agosto sarà destinata alla Festa del Colore, con il laboratorio di pittura a cura di Giovanni Spiniello che funzionerà dalle 10,30 in Piazza San Leone. Qui, alle 17, Maria Piscopo e Francesco Salvatore terranno il laboratorio sulla Tammorra. Nel Forno comunitario alle 18,30 si aprirà la mostra fotografica di Paola Mattioli, con la proiezione e il commento dell’autrice accompagnata da Enrico Finzi. Dalle 21 si articolerà il programma nella Piazza Teatro: prima con la performance “Acqua di mare, sete di terra” a cura di Cristina Rossi e Sara Bodin con la partecipazione dei cairanesi e poi “Pret’ ianch’”, poemetto teatrale a due voci di Salvatore Pagliuca con le musiche originali di Angela Freno e Vincenzo Izzi e il montaggio di Filippo Verova. Infine, la chiusura affidata a “Vulcana”: musiche, danze, cunti, tamburi e voci, storie vere e verosimili tra Etna, Vesuvio e altre affinità con le Due Sicilie a cura di Maria Piscopo e Francesco Salvatore. Il festival è realizzato con il patrocinio del Comune di Cairano, dalla Franco Dragone , la collaborazione della Pro Loco, del Gruppo parrocchiale San Martino e del Gruppo Giovani di Cairano.

Condividi