IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Allerta meteo, torna la neve in Irpinia
Diplomi falsi, 6 arresti. Coinvolto anche un funzionario del Provveditorato agli Studi di Avellino
Monteforte Irpino, 19enne si lancia dal balcone
Trovato morto in casa, mistero sulle cause
Investito da un'auto, in ospedale anziano. S'indaga
Non mandano il figlio a scuola, denunciati i genitori
Andretta, 50enne arrestata per truffa
Sversamento di rifiuti nel fiume Sele, nei guai un allevatore
In giro con una mazza da baseball, denunciato 20enne
Al Teatro Gesualdo le note di "Essenze Jazz" di Eduardo De Crescenzo e la sua band

 

Jazz Poetry ad Avellino, appuntamento alla Chiesa del Carmine

L'arte dello scrivere

(L'arte dello scrivere)
(Foto: Irpiniareport)

Venerdi 11 settembre alle 18,30 , presso la chiesa del Carmine di Avellino, ci sarà il laboratorio Jazz Poetry “ TurnTable da Langston Hughes a Jack Kerouac , da Robert Burns ai giorni nostri” I versi sono di Domenico Cipriano ; Paola Primaverile alla voce ; Bob Godas batteria e tastiera Roli ; Antonio Iacuzio trombone ; Paolo Godas basso elettrico e loop station . Ingresso libero. E' prevista la partecipazione del pubblico attraverso la lettura di versi tratti dall'ode " La consegna dell' Haggis" di Robert Burns. Dice Paolo Godas :quando il direttore artistico della rassegna Winter open Art, il maestro Di Capua, mi ha comunicato l’inserimento del progetto nella rassegna stessa, ho subito capito l’opportunità che si presentava e ho partecipato con grande entusiasmo. Il progetto Turntable è un punto evolutivo che prende spunto da numerose esperienze artistiche degli ultimi anni. Dall’esperienza ultra decennale free dei SinjarmaJazz ai progetti Jazz Poetry condivisi con Domenico Cipriano e rappresentati ultimamente in varie parti d’ Italia , alle recenti sessioni di musica creativa con il progetto SLIC, nasce il progetto “ TurnTable “. La scintilla che ha messo in moto tutto è stata certamente l’ultima esperienza in compagnia degli artisti di “ Sentieri Periferici” . La collaborazione con persone validissime , scrittrici, attrici, ballerine mi ha convinto che era giunto il momento in cui “TurnTable” poteva prendere vita. In effetti l’idea non è nuova, prende le mosse dall’incredibile esperienza umana ed artistica di “ KnockOver” . Numerose forme d’arte, se non tutte, attraverso grosse motivazioni sociali e creative, generano attraverso gli artisti stessi incontri che di per sé sono vere performance , esperienze che attraversano tanto il pubblico quanto gli artisti. Il progetto “TurnTable” quindi assume vita propria, alimentandosi di volta in volta della partecipazione di tutti . Dietro c’è sempre un intenso lavoro di studio e di ricerca ed è solo una parte dell’insieme , artisti, scrittori.... persone, quasi tutti irpini ed irpine, che generano moderni eventi, coinvolgenti per tutti e per tutto il tempo delle performance.

Condividi