IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Covid-19, altri 12 contagi in Irpinia: 2 ad Avellino
Coronavirus, altri 6 contagi in Irpinia
Altra strage di cani, gli animali uccisi con un potente veleno
Tir prende fuoco in strada, paura a Torrette di Mercogliano
Finge un incidente e tenta di truffare un anziano, ma viene scoperto
Avellino, droga in camera da letto: arrestato 19enne
Auto in fiamme sull'A16, salvi per miracolo
Agricoltura, sostenibilità e innovazione: aperte le iscrizioni al corso di Laurea in Agraria
Incidente a Mercogliano, denunciati i conducenti: erano positivi all'alcol e alla droga
Nonni nel mirino dei truffatori: tentano di estorcere 4mila euro a un'anziana

 

Nel porto turistico di Salerno il medico avellinese, Gianfranco Orecchio presenta il suo libro "L'isola da dimenticare"

("L'isola da dimenticare", il libro di Gianfranco Orecchio)
(Foto: Irpiniareport)

Nello splendido scenario del nuovo porto turistico Marina D'Arechi a Salerno e in occasione della fiera nautica " Salerno Boat show " il medico scrittore avellinese, Gianfranco Orecchio, presenterà il suo nuovo romanzo " L'isola da dimenticare", domenica 14 maggio alle ore 11. Interverranno il presidente Agostino Gallozzi, l' avv. Elvira Matarazzo, lo scrittore Claudio Sara, la giornalista Vinia la Sala. Farà da moderatore il velista Lanfranco Amorosini. Per Gianfranco Orecchio questo terzo libro rappresenta una nuova sfida, diversa, per certi versi più difficile ed esaltante del suo primo libro autobiografico "Navigare senza mollare tutto, storie a bordo e fuori" e del secondo, il romanzo "La Signora del mare", nei quali realtà e fantasia convivono, avendo l'autore preso spunto da ricordi e personaggi realmente esistenti. Stavolta Orecchio ne’ " L'isola da dimenticare " si cimenta con la narrativa proponendo al contrario un romanzo di pura fantasia. Una storia intensa di mare e di eros ambientata nell'isola di Cuba dove, sullo sfondo della barriera corallina, emozioni e colpi di scena di susseguono a ritmo incalzante. La narrazione è tesa e coinvolgente, al punto da far sembrare tutto vero, con un finale a sorpresa. E il dottore Orecchio centra cosi gli obiettivi di questa terza tappa letteraria: coinvolgere i suoi lettori che si lasciano accompagnare dalla loro partecipazione emotiva fino all'ultimo rigo dell' ultima pagina.

Condividi