IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, sale il numero dei contagi: sono 247 i positivi di oggi
Contravviene alle misure anti Covid per rubare casse di birra in un supermercato, denunciato
Covid-19, 36 contagi a "Villa dei Pini". Si attende riscontro dell’Asl
Avellino, fuoco ai cassonetti dei rifiuti. Danni a un'auto e alla facciata del palazzo
Covid-19, quarto decesso nella giornata: muore una 82enne. Ricoverata per polmonite
Covid-19, dimessi il 15enne e la mamma ricoverati al Moscati una settimana fa
Covid-19, terza vittima in poche ore: muore 66enne
Covid-19, aggiornamento contagi: 93 i positivi
Scuole, in Campania restano chiuse. Per la primaria monitoraggio fra 10 giorni
Demolizione viadotto di Manocalzati, traffico deviato fino al 22 dicembre

 

Tutto pronto per "Puozzi Passa’ p’a Pratala" il festival irpino di musica popolare

Appuntamento a Pratola Serra

Musica folk

(Musica folk)
(Foto: Irpiniareport)

PRATOLA SERRA - Suoni, tradizioni e divertimento: ritorna "Puozzi Passa’ p’a Pratala", il festival irpino di musica popolare. Un appuntamento da segnare in agenda e da non perdere: dall’8 al 10 luglio il corso principale di Pratola Serra ospiterà artisti internazionali, gruppi itineranti, ma anche mostre, esposizioni e tanti stands enogastronomici, con i migliori prodotti della nostra terra. Ad inaugurare l’ottava edizione dell’evento venerdì 8 luglio saranno i suoni salentini dei Mascarimirì, il gruppo di Muro Leccese che oggi rappresenta il punto più innovativo della Pizzica Pizzica Salentina. Sabato 9 salperà in terra irpina la BandAdriatica che da anni infiamma le piazze di mezza Europa. A partire dal pomeriggio, alle ore 18, infiammeranno il palco con la loro musica, figlia del mare, e con l’energia vitale dei suoi componenti. Sabato sera, invece, toccherà ai padroni di casa: i Pratola Folk. Da anni simbolo e manifesto della migliore tradizione di musica popolare della nostra amata terra, il gruppo pratolano è pronto a far festa cantando e danzando al ritmo irrefrenabile delle sue tammorre. A chiudere in bellezza l’ottava edizione del festival sarà un gruppo multietnico che viene dal rinnovato successo del concerto del 1° Maggio a Roma: i Med Free Orkestra. Cinque Paesi diversi, tre continenti, un’ensemble multietnica di sedici musicisti da varie aree del sud del mondo, colore e calore: la Med Free Orkestra è tutto questo e molto altro. Oltre alle migliori selezioni musicali di musica popolare, Puozzi offrirà al suo pubblico anche arte e cultura con mostre fotografiche e di pittura. Non mancheranno poi sapori e odori della nostra terra: la migliore cucina tradizionale con suoi prodotti genuini made in Irpinia. Il tutto, come sempre, sarà accompagnato dall’atmosfera suggestiva dei suoni e dei balli dei diversi gruppi itineranti: dai Malamente a La Banda del Bukò fino al rock’n roll corner degli Stragatti; ma anche I Viandanti e I Vecchi Leoni della Giuglianese con i Sanacore e i Pig Band.

Condividi