IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Evasione fiscale, confiscati beni per oltre 348milioni di euro ad un imprenditore di Mercogliano
Scomparsa Foglia, il presidente Biancardi: "Sono affranto dal dolore. E' stato il mio padre politico"
Lutto nella politica irpina, si è spento Pietro Foglia
Raid nelle ville a Starze di Summonte. Rubati denaro, gioielli e oggetti di valore
Avellino, finalmente arriva il Natale in città. Da sabato l'allestimento delle luci
Spiava i propri dipendenti con telecamere nascoste, denunciato imprenditore agricolo
Ordigni bellici nel torrente Salaco a Volturara
Sgominata banda di narcotrafficanti, 17 arresti. La droga sequestrata era destinata anche ad Avellino
Choc ad Avellino in via Fratelli Bisogno, 54enne ritrovato cadavere
Avellino, studente investito da un'auto pirata a piazza Kennedy

 

Venti anni fa il concerto di Vasco Rossi a San Martino Valle Caudina

L'evento fu organizzato da Gianni Raviele, grande maestro di giornalismo e attuale direttore di Canale 58

Da la Repubblica del 7-9-91

(Da la Repubblica del 7-9-91)
(Foto: IrpiniaReport)

Il conto alla rovescia per lo straordinario appuntamento dell'11 settembre prossimo al Partenio con il concerto di Vasco Rossi è cominciato da tempo. L'attesa per l'evento è tanta, tra gli appassionati e non solo. Nei giorni scorsi Irpiniareport ha ricordato la tappa della rockstar di Zocca a Fontanarosa nel 1987. Fu il debutto in Irpinia per Vasco Rossi. Qualche anno più tardi il ritorno in provincia di Avellino. Fu un altrettanto straordinario evento. Era il 29 settembre del 1991 e la comunità di San Martino Valle Caudina ospitò il concerto di Vasco Rossi. Ad organizzarlo fu la pro loco, guidata dall'allora presidente Gianni Raviele. Proprio a Raviele, maestro di giornalismo e attuale direttore dell'emittente arianese Canale 58, vanno ascritti gli enormi meriti per i grandi concerti (e non solo) promossi negli anni scorsi a San Martino Valle Caudina, suo comune d'origine, a dimostrazione dell'amore per la propria terra. Anche quel 29 settembre del 1991, il Blasco incantò l'Irpinia. Non c'è due senza tre. Il prossimo 11 settembre farà altrettanto allo stadio Partenio di Avellino.

Condividi