IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Sciopero lavoratori Irpiniambiente, sospesa la raccolta dei rifiuti
La terra trema in Irpinia, scossa di terremoto a Caposele
Camion dei rifiuti finisce nel torrente, paura a Solofra
In azione la banda delle tabaccherie, razzia nella notte di sigarette e gratta e vinci
Avellino, tenta di suicidarsi lanciandosi dal balcone. Grave 34enne
Giovane escursionista si frattura una gamba, soccorsa sulle montagne di Bagnoli
Serie di furti a Mercogliano, prese di mira le ville in via San Nicola
Fuga di gas, esplode un'abitazione. Due feriti
Spaventoso incidente tra due auto, due feriti. Muore ragazza 36enne
Schianto nella notte a Cesinali, ferito 56enne

 

Le ricette di Elisa Panza/ Autunno - La nocciola: Risotto con Carmasciano nocciole e mosto d’uva e Brutti ma Buoni di zia Rita

Le ricette di Elisa Panza - Brutti ma Buoni di zia Rita

(Le ricette di Elisa Panza - Brutti ma Buoni di zia Rita)
(Foto: Irpiniareport)

(a cura di Elisa Panza) L’autunno è da sempre stata la mia stagione preferita, il tempo in cui tutto esplode con la sua ultima bellezza, come se la natura si fosse risparmiata tutto l’anno per il gran finale. E’ questo il tempo della raccolta delle nocciole, quando il frutto ha raggiunto piena maturazione, coltura di antichissimo insediamento e di solida tradizione il cui paesaggio nostrano ne è fortemente caratterizzato. In genere si raccolgono a mano da terra, ma nei noccioleti importanti come i nostri la raccolta è da tempo meccanizzata attraverso macchine aspiratrici in grado di separare il frutto dal fogliame. Alla raccolta segue di prassi la fase dell’essiccazione attività questa che ne prolunga la conservabilità. Da una pianta di origini antiche (Corylus Avellana) deriva questo frutto che in Irpinia, terra del nocciolo dal ben adatto suolo calcare, trova espressione e gusto peculiari. La nocciolicoltura Irpina è presente in tutto il Vallo di Lauro e Baianese, Valle del Sabato, area del Partenio, Valle Caudina, regina della tavola e della natura con le sue cultivar Mortarella Camponica e San Giovanni, la cui tostatura ricorda i sentori di crosta di pane e caramello. Gli impieghi gastronomici di questi frutti la cui versatilità è stata ampiamente testata sono davvero numerosissimi. La cucina dell’Irpinia, sia tradizionale che innovativa, fa un grande uso delle nocciole per condire alcuni primi piatti tipici confezionati con pasta fresca fatta a mano e farina di grano duro, ed è in quest’ottica che vi propongo questo RISOTTO pronto a sublimare i palati e i gusti più raffinati per autenticità e originalità. Il piatto nel suo insieme, risulta perfettamente bilanciato, poiché alla tostatura del burro nocciolato al sentore di caramello, si contrappone il gusto delicato di erbe tagliate da poco, l’odore di fiori di campo, la nota sensoriale piacevolmente piccante del nostro pecorino Carmasciano. Per chiudere il pasto, una vera delizia un brutto ma buono !!! La ricetta di questi biscotti si perde nel tempo e appartiene alla raccolta di ricette preferite iniziata da zia Rita prima ancora che io nascessi, la nocciola nostrana è fantastica per questa preparazione e il mio consiglio è quello di non acquistare quelle già sgusciate e spellate, se non addirittura già tritate; le cose meno sono lavorate e maggiore sarà la bontà e la fragranza del prodotto finale.

Fotogallery (3)

  • Le ricette di Elisa Panza - Brutti ma Buoni di zia Rita
  • Le ricette di Elisa Panza - Risotto con Carmasciano, nocciole e mosto d'uva
  • Le ricette di Elisa Panza - Burro nocciolato

Condividi