IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Scomparsa Lo Conte, Mocella (Confartigianato): "Garbo e determinazione lo distinguevano. Bisogna proseguire nel suo nome per rilanciare l'Irpinia"
Coronavirus, i casi in Irpinia arrivano a 329
Gli effetti dell'emergenza Coronavirus sull'agricoltura, Picariello: "Le filiere vitivinicole, florovivaistiche e lattiero-casearie le più colpite"
Coronavirus, il presidente Biancardi: “Entro venerdì la Provincia consegna i kit in vitro veloce per la diagnosi”
Covid-19, altri 6 contagi in Irpinia. Il bilancio sale a 228
Ruba un'auto, nei guai 28enne
Covid-19, sale il bilancio in Irpinia: 222 le persone contagiate
Sanificazione, Confindustria mette a disposizione strumenti e conoscenze
Coronavirus, 2 morti al Moscati
Emergenza Covid-19, Gambino (Usmia): "Tutelare gli operatori delle forze armate"

 

Le ricette di Elisa Panza - Il carciofo: Millefoglie di cialde di parmigiano con scampi e carciofi

Le ricette di Elisa Panza - Il carciofo: Millefoglie di cialde di parmigiano con scampi e carciofi

(Le ricette di Elisa Panza - Il carciofo: Millefoglie di cialde di parmigiano con scampi e carciofi)
(Foto: Irpiniareport)

(a cura di Elisa Panza) La sentite quest’aria frizzantina? Finalmente siamo in primavera, ci siamo lasciati alle spalle il freddo e i suoi prodotti, abiti pesanti e piatti più robusti, non ci resta che aprire le nostre cucine ai teneri germogli che celebrano la nuova stagione. Un trionfo di sapori freschi tra i quali spicca quello del carciofo, (cynaria scolymus) appartenente alla famiglia delle composite, di origine mediterranea, deriva da selezionamenti del cardo ed è una pianta nota fin dai tempi antichi per le sue virtù terapeutiche, indiscusso protagonista di orti e mercati, lode e inno alla bella stagione. Eccellenza della mia terra è certamente il carciofo Preturese, prelibatissimo prodotto locale che arriva sulle nostre tavole grazie a una selezione naturale fatta nel corso degli anni dalle mani sapienti dei contadini della piana del Montorese. Un ruolo importantissimo nella sua coltivazione lo giocano le caratteristiche geografiche e morfologiche della zona: composizione e struttura del terreno, acqua di irrigazione, temperatura, ogni singolo elemento è un piccolo segreto che conferisce al carciofo Preturese quel gusto unico e inconfondibile. Il nostro carciofo è un prodotto dotato di eccezionali caratteristiche qualitative. Le tecniche di coltivazione prevedono la messa a dimora della pianta e un bassissimo uso di prodotti chimici di sintesi: quello di cui questa coltura necessita in modo particolare sono le irrigazioni frequenti e possiamo contare sulle sorgenti Laura e Labso. Una singolare particolarità nella coltivazione del nostro ortaggio è la consuetudine di coprire i capolini appena formati con tazze di terracotta per difenderli dall’azione lesiva del gelo. Quale migliore abbinamento se non la dolcezza e la freschezza dello scampo ad esaltarne il sentore e le note di acciuga e liquirizia che caratterizzano il carciofo, un insieme ben bilanciato di profumi e colori, ancora una volta per stupire i vostri ospiti.

Fotogallery (2)

  • Le ricette di Elisa Panza - Il carciofo: Millefoglie di cialde di parmigiano con scampi e carciofi
  • Le ricette di Elisa Panza - Il carciofo: Millefoglie di cialde di parmigiano con scampi e carciofi

Condividi