IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Auguri Laura: 40, ma non li dimostra
Studentessa s'impicca nella sua stanza, tragedia in Irpinia
Fontanarosa, Gambino nominato Cavaliere al Merito dell'ordine della Repubblica
Sbanda con la moto e si schianta contro le auto in sosta, muore 26enne
Avellino, ladri a Contrada Archi messi in fuga dai cani
Atripalda, spara al vicino con un fucile. Nei guai 28enne
Spaventoso incidente frontale, feriti i conducenti
Avellino, parcheggia l'auto e va in fiamme il motore. Paura in via Guerriero
Cesinali, sta meglio la donna investita mentre si recava in farmacia
Folgorato dai cavi elettrici mentre raccoglie ciliegie, grave operaio 45enne

 

Le ricette di Elisa Panza - INVERNO: Stracotto di CINGHIALE all’Aglianico con patate mantecate all’olio di Ravece

Le ricette di Elisa Panza - Stracotto di Cinghiale

(Le ricette di Elisa Panza - Stracotto di Cinghiale)
(Foto: Irpiniareport)

INVERNO: STRACOTTO DI CINGHIALE - Quando il clima è rigido, oltre a coprirci e stare al riparo, è necessario fare molta attenzione a ciò che portiamo in tavola. Per contrastare lo shock delle temperature troppo basse è importante infatti mangiare i cibi giusti che aiutano il nostro corpo a contrastare i disagi derivanti dal clima rigido. Le proteine della carne danno, in questo senso, una piacevole sensazione di calore oltre che mantenere alto il metabolismo. La carne “nera” di cinghiale, è molto saporita ed apprezzata ed è il prelibato ingrediente di molti piatti invernali essendo anche una carne molto magra. Progenitore selvatico del maiale domestico abbastanza aggressivo, il cinghiale è un animale protetto, se ne può abbattere solo un numero limitato di capi. E’ molto diffuso dalle mie parti e vive generalmente in luoghi incolti e nelle boscaglie, cibandosi di radici e di tuberi. Si muove spesso in branchi e lo si può trovare sia in pianura che in montagna nella fitta vegetazione. La sua carne va trattata in modo particolare, per far si che sia gustosa al palato, infatti, come tutti i tipi di selvaggina, tende ad avere un sapore molto forte, selvatico, per questo è richiesta una lunga lavorazione prima di passare alla cottura vera e propria detta marinatura. Il processo di marinatura è molto importante e bisogna rispettarne rigorosamente la tempistica, questa fase ha sia la funzione di ammorbidire la carne rendendola meno fibrosa, sia quella di evitare il retrogusto selvatico, rendendola molto più gustosa e leggera per alcuni favolosa!

Fotogallery (4)

  • Le ricette di Elisa Panza - Lo Stracotto di Cinghiale
  • Le ricette di Elisa Panza - Stracotto di Cinghiale
  • Le ricette di Elisa Panza - Stracotto di Cinghiale
  • Le ricette di Elisa Panza - Stracotto di Cinghiale

Condividi