IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Scomparsa Lo Conte, Mocella (Confartigianato): "Garbo e determinazione lo distinguevano. Bisogna proseguire nel suo nome per rilanciare l'Irpinia"
Coronavirus, i casi in Irpinia arrivano a 329
Gli effetti dell'emergenza Coronavirus sull'agricoltura, Picariello: "Le filiere vitivinicole, florovivaistiche e lattiero-casearie le più colpite"
Coronavirus, il presidente Biancardi: “Entro venerdì la Provincia consegna i kit in vitro veloce per la diagnosi”
Covid-19, altri 6 contagi in Irpinia. Il bilancio sale a 228
Ruba un'auto, nei guai 28enne
Covid-19, sale il bilancio in Irpinia: 222 le persone contagiate
Sanificazione, Confindustria mette a disposizione strumenti e conoscenze
Coronavirus, 2 morti al Moscati
Emergenza Covid-19, Gambino (Usmia): "Tutelare gli operatori delle forze armate"

 

Le ricette di Elisa Panza - INVERNO: Stracotto di CINGHIALE all’Aglianico con patate mantecate all’olio di Ravece

Le ricette di Elisa Panza - Stracotto di Cinghiale

(Le ricette di Elisa Panza - Stracotto di Cinghiale)
(Foto: Irpiniareport)

INVERNO: STRACOTTO DI CINGHIALE - Quando il clima è rigido, oltre a coprirci e stare al riparo, è necessario fare molta attenzione a ciò che portiamo in tavola. Per contrastare lo shock delle temperature troppo basse è importante infatti mangiare i cibi giusti che aiutano il nostro corpo a contrastare i disagi derivanti dal clima rigido. Le proteine della carne danno, in questo senso, una piacevole sensazione di calore oltre che mantenere alto il metabolismo. La carne “nera” di cinghiale, è molto saporita ed apprezzata ed è il prelibato ingrediente di molti piatti invernali essendo anche una carne molto magra. Progenitore selvatico del maiale domestico abbastanza aggressivo, il cinghiale è un animale protetto, se ne può abbattere solo un numero limitato di capi. E’ molto diffuso dalle mie parti e vive generalmente in luoghi incolti e nelle boscaglie, cibandosi di radici e di tuberi. Si muove spesso in branchi e lo si può trovare sia in pianura che in montagna nella fitta vegetazione. La sua carne va trattata in modo particolare, per far si che sia gustosa al palato, infatti, come tutti i tipi di selvaggina, tende ad avere un sapore molto forte, selvatico, per questo è richiesta una lunga lavorazione prima di passare alla cottura vera e propria detta marinatura. Il processo di marinatura è molto importante e bisogna rispettarne rigorosamente la tempistica, questa fase ha sia la funzione di ammorbidire la carne rendendola meno fibrosa, sia quella di evitare il retrogusto selvatico, rendendola molto più gustosa e leggera per alcuni favolosa!

Fotogallery (4)

  • Le ricette di Elisa Panza - Lo Stracotto di Cinghiale
  • Le ricette di Elisa Panza - Stracotto di Cinghiale
  • Le ricette di Elisa Panza - Stracotto di Cinghiale
  • Le ricette di Elisa Panza - Stracotto di Cinghiale

Condividi