IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Successo e partecipazione a Cesinali con la Zeza dei bambini della scuola primaria
Avellino, agronomi e architetti a confronto su "Il verde possibile e protetto”
Schianto davanti all'Abbazia del Loreto, tre feriti
Rissa in strada a colpi di bastone, denunciati tre uomini
Dirigenti della Polisportiva Santo Stefano aggrediti sugli spalti a fine partita
Anziano morto abbandonato sul marciapiede, arrestata la convivente
Svaligiata una boutique a Mercogliano, rubati 600 capi
Distrusse i beni dell'Ufficio Protocollo del Comune, condannato operatore ecologico
Violenza sessuale e stalking nei confronti di una dipendente, arrestato datore di lavoro
Incendio in autostrada, va a fuoco un'auto mentre è in marcia. Paura per due giovani

 

Le ricette di Elisa Panza - INVERNO: Stracotto di CINGHIALE all’Aglianico con patate mantecate all’olio di Ravece

Le ricette di Elisa Panza - Stracotto di Cinghiale

(Le ricette di Elisa Panza - Stracotto di Cinghiale)
(Foto: Irpiniareport)

INVERNO: STRACOTTO DI CINGHIALE - Quando il clima è rigido, oltre a coprirci e stare al riparo, è necessario fare molta attenzione a ciò che portiamo in tavola. Per contrastare lo shock delle temperature troppo basse è importante infatti mangiare i cibi giusti che aiutano il nostro corpo a contrastare i disagi derivanti dal clima rigido. Le proteine della carne danno, in questo senso, una piacevole sensazione di calore oltre che mantenere alto il metabolismo. La carne “nera” di cinghiale, è molto saporita ed apprezzata ed è il prelibato ingrediente di molti piatti invernali essendo anche una carne molto magra. Progenitore selvatico del maiale domestico abbastanza aggressivo, il cinghiale è un animale protetto, se ne può abbattere solo un numero limitato di capi. E’ molto diffuso dalle mie parti e vive generalmente in luoghi incolti e nelle boscaglie, cibandosi di radici e di tuberi. Si muove spesso in branchi e lo si può trovare sia in pianura che in montagna nella fitta vegetazione. La sua carne va trattata in modo particolare, per far si che sia gustosa al palato, infatti, come tutti i tipi di selvaggina, tende ad avere un sapore molto forte, selvatico, per questo è richiesta una lunga lavorazione prima di passare alla cottura vera e propria detta marinatura. Il processo di marinatura è molto importante e bisogna rispettarne rigorosamente la tempistica, questa fase ha sia la funzione di ammorbidire la carne rendendola meno fibrosa, sia quella di evitare il retrogusto selvatico, rendendola molto più gustosa e leggera per alcuni favolosa!

Fotogallery (4)

  • Le ricette di Elisa Panza - Lo Stracotto di Cinghiale
  • Le ricette di Elisa Panza - Stracotto di Cinghiale
  • Le ricette di Elisa Panza - Stracotto di Cinghiale
  • Le ricette di Elisa Panza - Stracotto di Cinghiale

Condividi