IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Pronti a compiere una rapina alle Poste, bloccati dalla polizia
Covid-19, la situazione in Irpinia: un decesso e 38 casi positivi
Le giacche della Leather Trend di Solofra protagoniste dello spot della Vodafone 
Incendiato un camion in un terreno, s'indaga
Covid-19, la situazione in Irpinia: 54 casi positivi e 3 decessi
Video diffamatori diffusi sui social: nei guai una 21enne di Sturno
Sbanda e si ribalta, ferita una 58enne
Il presidente Biancardi in visita al Comando provinciale dei vigili del fuoco
Truffa alle assicurazioni, finge 29 incidenti. Nei guai una 44enne di Avellino
Vittoria spegne la sua prima candelina

 

Approvato il nuovo decreto legge Covid: stop agli spostamenti tra Regioni. A Natale e Santo Stefano non si potrà uscire dal proprio Comune

La Camera dei Deputati

(La Camera dei Deputati)
(Foto: Irpiniareport)

Il Consiglio dei ministri ha approvato il nuovo decreto legge Covid, che disegna la cornice delle misure sul Natale e in particolare delle limitazioni agli spostamenti. Continua, invece, il braccio di ferro sul nuovo Dpcm. La linea è quella di vietare gli spostamenti tra Regioni dal 21 dicembre al 6 gennaio, con coprifuoco alle 22 e "lotta" agli assembramenti. Stop agli spostamenti: sarà vietato spostarsi da una Regione all'altra se non per lavoro o salute, per raggiungere la residenza o per "necessità", autocertificate, come quella di "assistere un genitore solo". Il 25 e 26 dicembre sarà vietato anche uscire dal proprio Comune. La raccomandazione a non sedersi a tavola, anche dentro casa, nelle festività con persone non conviventi. Confermata la chiusura degli impianti sciistici. Nel Dpcm ci saranno misure "per un graduale rientro a scuola al quale stiamo lavorando in queste ore", ha garantito il Ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina. Per il sottosegretario alla Salute, Sandra Zampa, "le scuole superiori potrebbero riaprire a metà dicembre, ci sono discussioni in corso, ma per me sarebbe meglio aprirle a gennaio".

Condividi