IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Esplosione al bancomat, torna in azione la banda della marmotta
Tragico incidente nella notte, perdono la vita zio e nipote di 15 anni
Raid al ristorante, le impronte incastrano il ladro
Bruciano tre auto nella notte, s'indaga
Muore sotto gli occhi del figlio, tragedia in autogrill
Furto al Comune di Cervinara, rubati 1000 euro e le carte d'identità
L'assessore regionale Lucia Fortini all'Istituto Comprensivo di Aiello del Sabato per il progetto "Scuola Viva"
Spaccio di droga, 30enne arrestato. In casa nascondeva hashish
Abbattono il muro divisorio e si appropriano dell'appartamento adiacente, nei guai marito e moglie
Cesinali, al via i festeggiamenti di San Gerardo. Weekend di musica, degustazione e divertimento

 

Bottiglie di acqua "Santa Croce" ritirate dal mercato

Acqua

(Acqua)
(Foto: Irpiniareport)

In un comunicato datato venerdì 10 agosto 2018, il ministero della Salute, ha provveduto a segnalare per rischio fisico il lotto BL060A10 di acqua oligominerale Santa Croce imbottigliata presso lo stabilimento Sorgente Fiuggino-Canistro, in provincia dell'Aquila. Il ritiro riguarda le bottiglie in vetro da un litro - in confezione da 12 - aventi come data di scadenza marzo 2020. Il ministero ha precisato (nella sezione dedicata ai "Richiami di prodotti alimentari da parte degli operatori" del portale Salute.gov) che si tratterebbe di un richiamo cautelativo. Le bottiglie di acqua, infatti, potrebbero contenere particelle in sospensione da caratterizzare. Chi avesse acquistato bottiglie di acqua Santa Croce appartenente al lotto BL060A10 non deve consumarla, ma riportarla il prima possibile presso il punto vendita (dove verrà rimborsata o sostituita). Gli altri lotti Acqua Santa Croce, invece, sono sicuri e possono essere consumati in tutta tranquillità.

Condividi