IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Picchia la figlia con un bastone, arrestato padre violento
Rinvenuto cadavere in un appartamento, s'indaga
Schianto tra autobus e compattatore, paura per 10 bambini
Avellino, incidente in via Due Principati: auto sbanda e finisce nella scarpata. Ferita una ragazza
La Sala Consiliare di Palazzo Caracciolo intitolata a Pietro Foglia. Biancardi: “Mercoledì la cerimonia a un anno dalla dipartita”
Risorse idriche, il presidente Picariello (Odaf): "Ottimizzare la gestione per aumentare il contenuto di sostanza organica nei suoli"
Bloccati sull'A16 a bordo di un furgone con attrezzi da scasso e denaro contante
Atripalda, ruba prodotti nel supermercato. Denunciato dipendente
Operai in nero in un cantiere, nei guai un imprenditore edile
Monteforte Irpino, sorpresi a tagliare faggi in area protetta. Denunciati

 

Bottiglie di acqua "Santa Croce" ritirate dal mercato

Acqua

(Acqua)
(Foto: Irpiniareport)

In un comunicato datato venerdì 10 agosto 2018, il ministero della Salute, ha provveduto a segnalare per rischio fisico il lotto BL060A10 di acqua oligominerale Santa Croce imbottigliata presso lo stabilimento Sorgente Fiuggino-Canistro, in provincia dell'Aquila. Il ritiro riguarda le bottiglie in vetro da un litro - in confezione da 12 - aventi come data di scadenza marzo 2020. Il ministero ha precisato (nella sezione dedicata ai "Richiami di prodotti alimentari da parte degli operatori" del portale Salute.gov) che si tratterebbe di un richiamo cautelativo. Le bottiglie di acqua, infatti, potrebbero contenere particelle in sospensione da caratterizzare. Chi avesse acquistato bottiglie di acqua Santa Croce appartenente al lotto BL060A10 non deve consumarla, ma riportarla il prima possibile presso il punto vendita (dove verrà rimborsata o sostituita). Gli altri lotti Acqua Santa Croce, invece, sono sicuri e possono essere consumati in tutta tranquillità.

Condividi