IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Auto in fiamme sull'A16, salvi per miracolo
Agricoltura, sostenibilità e innovazione: aperte le iscrizioni al corso di Laurea in Agraria
Incidente a Mercogliano, denunciati i conducenti: erano positivi all'alcol e alla droga
Nonni nel mirino dei truffatori: tentano di estorcere 4mila euro a un'anziana
Lastre di eternit abbandonate in un'area comunale, è caccia ai responsabili
Il colonnello Luigi Bramati da Washington all'Irpinia per guidare il Comando provinciale dei Carabinieri
Controlli a Materdomini, fermate due persone sospette al Santuario di San Gerardo Maiella
Orrore a Montoro, carcasse di cani rinvenute nel canale delle acque piovane
Cesinali, al Teatro d'Europa la tappa di Enzo Alaia
Avellino, mezzo etto di marijuana nascosta tra gli ortaggi. Nei guai un 40enne

 

Coldiretti Campania, bene la vendemmia 2013: oltre il 15% di raccolto

Gennarino Masiello presidente Coldiretti Campania

(Gennarino Masiello presidente Coldiretti Campania)
(Foto: Irpiniareport)

In alto i calici, per i produttori di vino della Campania è tempo di brindare. La vendemmia 2013, dicono da Coldiretti Campania, è infatti di ottima qualità e fa registrare numeri da record. Rispetto allo scarso raccolto dell'anno scorso, l'aumento di raccolto è di oltre il 15%. E non solo. In piena vendemmia arrivano anche gli ultimi dati aggiornati sulle esportazioni del vino Made in Italy. In un periodo di crisi generale, spiegano da Coldiretti sulla base di dati Istat su commercio estero al primo quadrimestre 2013, l'aumento dell'export di vini è del 10%.
''E' la riprova che questo settore è vivo e che resta un punto di forza per la nostra regione - dicono il presidente e il direttore di Coldiretti Campania, Gennarino Masiello e Prisco Lucio Sorbo - I nostri vini rispecchiano in pieno la grande varietà dei nostri territori e sono in grado di accontentare tutti i palati, da quelli che desiderano sapori più decisi a quelli che preferiscono i più delicati. In più i nostri vini raccontano una storia e una tradizione millenaria che è bello andare a riscoprire seguendo itinerari che sono unici''. Sono oltre 23mila gli ettari di vigne in Campania. E a confermare l'alta qualità dei vini prodotti sono proprio i numeri: sono 4 quelli a Denominazione di origine controllata e garantita (Docg), 15 a Denominazione di origine controllata (Doc) e 10 a Indicazione geografica tipica (Igt). Senza contare che i migliori vini dell'antichità, come il Falerno, il Greco, il Faustiniano, il Caleno, erano prodotti proprio in Campania. ''Nella nostre terre - dicono i vertici di Coldiretti Campania - si intrecciano gusto, paesaggio e storia. Non c'è niente di meglio di scoprire tutto questo attraverso, per esempio, le 'strade del vino' i cui percorsi sono a portata di clic grazie anche alla nuova versione di iTerranostra scaricabile dall'Apple store e ricca di indicazioni utili sui vini campani''.
L'export è un assoluto punto di forza. Oltre la metà del fatturato estero, spiegano da Coldiretti, viene realizzato nell'Unione Europea dove le esportazioni di vino crescono del 10% così come avviene negli Stati Uniti. La Germania si conferma il primo mercato con una crescita del 13%, ma l'export va a gonfie vele anche in Francia (+12%) e Gran Bretagna (+8%). Un vero e proprio boom si registra in Russia dove gli acquisti di vino sono cresciuti del 32%. Crescita record (+30%) anche in Australia. Positivo anche il dato sui mercati asiatici con una crescita complessiva del 3% e un aumento particolare del 5% in Cina.

Condividi