IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Macellazione abusiva e ricettazione: sequestro di maiali e oltre 350 chili di insaccati. Nei guai 30enne
Tenta di uccidersi inalando gas di scarico dell'auto, salvato in extremis
Covid-19, due decessi al Moscati
Fiamme in un appartamento, paura in mattinata
Covid-19, aggiornamento contagi: 48 casi positivi. Il maggior numero ad Avella
Avellino: si finge intermediario immobiliare e fitta un appartamento, ma è una truffa
Caso Domenico Manzo, un'auto si avvicina al 69enne poco prima della scomparsa
#VesuviusversusVesuvius #VeseriversusVeseris #LaveraOrigine a cura di Pietro Diffidenti
Maxi operazione antidroga nel Napoletano, 9 arresti. Stupefacenti destinati anche in Irpinia
Scuola, tamponi per i docenti a Campo Genova: 2 positivi

 

Crollo della ristorazione, consumi alimentari in calo del 10% a causa del lockdown

L'analisi della Coldiretti

Coldiretti

(Coldiretti)
(Foto: Irpiniareport)

I consumi alimentari degli italiani fanno segnare un calo del 10% nel 2020 per effetto del crollo del canale della ristorazione che non viene compensato dal leggero aumento della spesa domestica. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Ismea dalla quale si evidenzia un taglio complessivo della spesa alimentare domestica ed extradomestica è stimato in ben 24 miliardi per l’intero anno 2020.  A pesare – sottolinea la Coldiretti – è la chiusura pressoché totale durante il lockdown della ristorazione per la quale rimane una situazione di sofferenza per le difficoltà economiche, lo smart working, la diffidenza dei consumatori e le difficoltà del turismo, soprattutto straniero, che rappresenta una fetta importante della clientela. Con la fine delle limitazioni agli spostamenti l’effetto “scorta” legato ai timori ingiustificati sugli approvvigionamenti per la spesa domestica si è invece progressivamente affievolita per tornare – spiega la Coldiretti – su valori leggermente superiori alla media in una situazione in cui secondo Confcommercio sono in calo tutti i settori del commercio al dettaglio. Una situazione che – continua la Coldiretti – sta rivoluzionando anche gli equilibri all’interno delle filiere produttive che – sottolinea la Coldiretti – pesa sulla vendita di molti prodotti agroalimentari, dal vino alla birra, dalla carne al pesce, dalla frutta alla verdura ma anche su salumi e formaggi di alta qualità che trovano nel consumo fuori casa un importante mercato di sbocco. Da quando è iniziata la pandemia in Italia il 57% delle 730mila aziende agricole nazionali ha registrato una diminuzione dell’attività ma l’allarme globale provocato dal Coronavirus – conclude Coldiretti –  ha fatto emergere una maggior consapevolezza sul valore strategico della filiera del cibo con la necessità di interventi di sostegno per difendere la sovranità alimentare e non dipendere dall’estero per l’approvvigionamento alimentare in un momento di grandi tensioni internazionali sugli scambi commerciali.

Condividi