IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Truffe agli anziani irpini, arrestato 43enne di Napoli
SuperEnalotto, centrato un 5 a Mercogliano
Volturara Irpina, sono 72 i contagiati da Covid-19 a "Villa Clementina"
Covid-19, aggiornamento contagi: 137 positivi. Allarme a Sturno e Candida
Sequestrata marijuana a Nusco, nei guai 4 giovani. Uno è minorenne
Covid-19, anziana muore dopo poche ore dal ricovero. È la 19esima vittima in Irpinia
Sequestro di armi a Montemarano, denunciato un 70enne
Avellino, sale il numero dei contagi: sono 247 i positivi di oggi
Contravviene alle misure anti Covid per rubare casse di birra in un supermercato, denunciato
Covid-19, 36 contagi a "Villa dei Pini". Si attende riscontro dell’Asl

 

Neurologi del "Moscati" e studenti della "Solimena" al V Congresso Nazionale Anircef

A Napoli tre giorni di approfondimenti

Il Golfo di Napoli

(Il Golfo di Napoli)
(Foto: Irpiniareport)

Circa 300 ricercatori provenienti da tutto il mondo, tra cui anche il Presidente dell'International Headache Society, Alan Rapaport, docente dell'Università di Los Angeles, stanno partecipando ai lavori del V Congresso Nazionale Anircef (Associazione Italiana per la Ricerca sulle Cefalee) “Le cefalee: il dolore come necessità”, in corso all’Hotel Royal Continental di Napoli.
Tra gli organizzatori della tre giorni che si concluderà domani pomeriggio, il dott. Florindo d'Onofrio, dirigente medico dell’Unità Operativa di Neurologia dell’Azienda Ospedaliera “San Giuseppe Moscati” di Avellino e responsabile del centro cefalee aziendale, che presenterà anche un lavoro riguardante la comorbilità tra emicrania e disturbi del movimento. Sei sono i grandi temi del Congresso: il dolore come necessità, ridefinire le cefalee primarie, l’emicrania come fattore di rischio, alimentazione ed emicrania, dolori cranio-facciali e neuroimaging funzionale, il futuro terapeutico. La sessione poster sarà moderata dal prof. Vittorio Petretta, direttore dell’Unità Operativa di Neurologia dell’Azienda “Moscati”.
Durante il congresso saranno presentati in anteprima i risultati riguardanti gli eventuali fattori di rischio delle cefalee negli adolescenti. Sono stati “arruolati” 800 bambini in tutta Italia e allo studio hanno partecipato anche gli alunni della scuola secondaria di I grado “F. Solimena” di Avellino. I risultati preliminari hanno evidenziato come fattore di rischio per aumento di cefalee negli adolescenti la mancata colazione e i disturbi del sonno.

Condividi