IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Allerta meteo in Campania, pioggia e vento anche in Irpinia
Danni al comparto agricolo per la grandinata, Ordine Agronomi Avellino: "Proclamare lo stato di calamità naturale e disporre aiuti alle imprese"
Ofantina, al via i lavori in località Montechiuppo a Manocalzati. Code nelle ore di punta
Grandine in Irpinia distrugge frutteti e vigneti, danni ingenti
Gestione illecita di prodotti alimentari, denuncia e sanzione per un'azienda agricola
Sbanda e finisce nella scarpata, ferita 35enne
Ancora fiamme sull'A16, s'incendia un'auto nel tratto di Monteforte. Paura per una famiglia
Maltrattamenti, minacce e percosse in famiglia: arrestato 47enne
40enne muore nei campi schiacciato dal trattore
Famiglia intrappolata nell'auto in fiamme, paura a Volturara Irpina

 

Pene più severe per chi chatta alla guida. Il ministro Toninelli: "Ritiro immediato della patente"

autostrada

(autostrada)
(Foto: Irpiniareport)

Pene più severe per chi chatta alla guida. Ad annunciarlo il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli. "Stiamo ragionando su un inasprimento delle sanzioni fino all'eventualità del ritiro immediato della patente, Ma prima ancora servono più controlli e una doverosa opera di sensibilizzazione culturale", ha detto il ministro Toninelli. La guida distratta a causa dell'uso dello smartphone lascia sull'asfalto decine di vittime. Secondo l'Istat nel 2017 sono stati 35mila su un totale di 223mila gli incidenti provocati dall'uso del cellulare alla guida. I sinsitri provocati dall'uso del telefonino sono superiori rispetto a quelli provocati per stato di ebbrezza o uso di sostanze stupefacenti. Un dato allarmante. Attualmente la multa per l'uso del cellulare è modica rispetto al pericolo potenziale che esso può provocare. Si rischia una sanzione pecuniaria che va da 160 a 646 euro. E se il trasgressore si ripete e viene pizzicato entro due anni dalla prima infrazione, ottiene la sospensione della patente che va da uno a tre mesi.

Condividi