IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Esplosione al bancomat, torna in azione la banda della marmotta
Tragico incidente nella notte, perdono la vita zio e nipote di 15 anni
Raid al ristorante, le impronte incastrano il ladro
Bruciano tre auto nella notte, s'indaga
Muore sotto gli occhi del figlio, tragedia in autogrill
Furto al Comune di Cervinara, rubati 1000 euro e le carte d'identità
L'assessore regionale Lucia Fortini all'Istituto Comprensivo di Aiello del Sabato per il progetto "Scuola Viva"
Spaccio di droga, 30enne arrestato. In casa nascondeva hashish
Abbattono il muro divisorio e si appropriano dell'appartamento adiacente, nei guai marito e moglie
Cesinali, al via i festeggiamenti di San Gerardo. Weekend di musica, degustazione e divertimento

 

Pene più severe per chi chatta alla guida. Il ministro Toninelli: "Ritiro immediato della patente"

autostrada

(autostrada)
(Foto: Irpiniareport)

Pene più severe per chi chatta alla guida. Ad annunciarlo il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli. "Stiamo ragionando su un inasprimento delle sanzioni fino all'eventualità del ritiro immediato della patente, Ma prima ancora servono più controlli e una doverosa opera di sensibilizzazione culturale", ha detto il ministro Toninelli. La guida distratta a causa dell'uso dello smartphone lascia sull'asfalto decine di vittime. Secondo l'Istat nel 2017 sono stati 35mila su un totale di 223mila gli incidenti provocati dall'uso del cellulare alla guida. I sinsitri provocati dall'uso del telefonino sono superiori rispetto a quelli provocati per stato di ebbrezza o uso di sostanze stupefacenti. Un dato allarmante. Attualmente la multa per l'uso del cellulare è modica rispetto al pericolo potenziale che esso può provocare. Si rischia una sanzione pecuniaria che va da 160 a 646 euro. E se il trasgressore si ripete e viene pizzicato entro due anni dalla prima infrazione, ottiene la sospensione della patente che va da uno a tre mesi.

Condividi