IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Sorpreso con droga e spinelli, nei guai 23enne
Maxi sequestro di bombole gpl, nei guai un commerciante
Sequestrati due quintali di salumi, mozzarella e pasta fresca
Schianto nella notte sull'Ofantina, cinque feriti
Munizioni della Seconda Guerra Mondiale ritrovate in un fabbricato, s'indaga
Investe una donna e fugge. Rintracciato e denunciato il pirata della strada
Esaudito il desiderio della piccola Giovanna: video chiamata con i "Me contro Te"
Precipita dall'ultimo piano, muore studentessa. Tragedia al campus di Fisciano
Open Day delle malattie della pelle, al Moscati visite dermatologiche gratuite
Incidente nella galleria di Solofra, ferita una 60enne di Aiello

 

Ritirati dal mercato bocconcini di salame per rischio salmonella

Nuovo avviso del Ministero della salute

Salame

(Salame)
(Foto: Irpiniareport)

Un nuovo avviso in merito al ritiro di prodotti che potrebbero risultare nocivi per la salute dei consumatori è stato pubblicato sul sito del Ministero della salute. All’interno della sezione “Avvisi di sicurezza e al richiamo di prodotti alimentari da parte degli operatori” durante la giornata di ieri, giovedì 18 luglio, è stata inserita una nota relativa al richiamo di un lotto di salame. Nello specifico il ritiro riguarda il lotto di bocconcini di salame venduti in confezioni sottovuoto da 200 grammi numero di lotto 26 LSS, prodotto dall’azienda Azzocchi Roberto Srl e con scadenza fissata in data 12 novembre 2019. Il ritiro, come spiegato dall’avviso, è stato effettuato in via precauzionale per possibile rischio microbiologico, a causa della possibile presenza di salmonella. Il Ministero ha specificato, dunque, che il prodotto non deve essere consumato, e coloro che lo abbiano già acquistato devono riportarlo presso il punto vendita. Non si tratta del primo avviso di richiamo di insaccati per rischio microbiologico, l’ultimo era stato pubblicato lo scorso 25 giugno ed era relativo ad un salametto nel quale era stata riscontrata la possibile presenza del batterio della Lysteria.

Condividi