IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Pistola detenuta illegalmente, denunciato
Casa vacanze da sogno, ma era una truffa. Denunciato 28enne
Il cane Zidane scopre una piantagione di canapa indiana, arrestato 47enne
Operazione "Stazioni Sicure", controlli della polizia a viaggiatori e bagagli. Denunce e sequestri
Esplosione nella notte a Quindici, bomba distrugge auto
Cambiamenti climatici e rischio delle produzioni agricole, l'allarme degli agronomi irpini. Capone: "Puntare sui fondi mutualistici"
E' salva la bimba di 4 mesi colpita da botulismo
Caso Aias, obbligo di firma per la moglie di De Mita. Domiciliari per Bilotta
De Luca torna in Irpinia per inaugurare la RSA di Bisaccia
Le Associazioni “Be” e “Filo Rosso” aderiscono all’iniziativa “…ricordando Enrico Berlinguer. L’urgenza di una sinistra che non c’è”

 

Sorpresa: la Campania cresce più delle altre regioni. Ma l'Irpinia è ancora indietro

I dati Istat

Uno scorcio d'Irpinia

(Uno scorcio d'Irpinia)
(Foto: Irpiniareport)

L'ISTAT ha pubblicato i nuovi dati della contabilità regionale e provinciale: la Campania si conferma prima regione italiana per crescita del PIL con il +3,2%, consolidando un trend sempre in crescita nell'ultimo periodo di tempo, che rafforza ulteriormente il dato del +2,4% registrato dalla Svimez a metà anno. Nel 2016 il Pil, a fronte di una crescita a livello nazionale dello 0,9% rispetto all'anno precedente, ha registrato un incremento dell'1,3% nel Nord-est, dello 0,9% nel Nord-ovest e dello 0,8% sia al Centro che nel Mezzogiorno, dove però spicca la performance positiva della Campania. In una nota congiunta, il governatore Vincenzo De Luca e l'assessore alle Attività Produttive Amedeo Lepore commentano: "E' un dato straordinario che incoraggia a proseguire e intensificare le strategie economiche, industriali e infrastrutturali della Regione". Peccato che ancora non si riscontra un reale miglioramento delle condizioni delle famiglie delle cinque province campane. Si pagano ancora ritardi infrastrutturali e, soprattutto, la pesante disoccupazione. A cominciare da quella giovanile. E poi, è ripreso con vigore il fenomeno dell'emigrazione dalle zone interne. Irpinia e Sannio continuano a spopolarsi.

Condividi