IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Scuola, il 1 febbraio tornano in classe gli studenti delle superiori
Covid-19, un decesso all'ospedale "Frangipane"
Appropriazione indebita di auto, 40enne atripaldese ricercato dalla Repubblica Ceca
"Popolarmente Accasati", al via la sit-com promossa dal Teatro d’Europa. Il casting ad aprile
Anziani 80enni dispersi a Montevergine, soccorsi dai vigili del fuoco
Carenze igienico sanitarie, chiusa un'azienda alimentare di Ospedaletto d’Alpinolo
Maltrattamenti ai familiari, arrestato 30enne
Traffico di sostanze dopanti, perquisizioni dei Nas ad Avellino
Covid-19, deceduta al Moscati una 73enne di Chiusano
Atripalda, va a fuoco la stufa a gas. Paura per due anziani coniugi

 

Sospetta Salmonella: ritirati dal mercato numerosi lotti di barrette noci del Brasile e uvetta Eat Natural

Interessati i supermercati Esselunga

Il prodotto ritirato

(Il prodotto ritirato )
(Foto: Irpiniareport )

Il ministero della Salute ed Esselunga hanno pubblicato l’avviso di richiamo di numerosi lotti di barrette noci del Brasile e uvetta sultanina con arachidi e mandorle a marchio Eat Natural per la sospetta presenza di Salmonella. Il prodotto interessato dal richiamo è venduto in singole barrette da 50 grammi e in formato multipack da quattro pezzi da 35 grammi, con tutti i lotti corrispondenti ai termini minimi di conservazione da 08/2020 a 07/2021. Le barrette richiamate sono state prodotte da Eat Natural di Hand2Mouth Ltd & The Makery Family, nello stabilimento di 4 Fourth Avenue, Bluebridge Industrial Estate, a Halstead, nell’Essex, Regno Unito. Nei giorni scorsi (22 agosto 2020), il richiamo di queste barrette a marchio Eat Natural, vendute in in svariati formati e confezioni multipack, anche misti, era stato pubblicato dalla Food Standards Agency, l’agenzia britannica che si occupa di sicurezza alimentare. A  scopo precauzionale, si consiglia di non consumare le barrette con i termini minimi di conservazione segnalati e restituirle al punto vendita d’acquisto.

Condividi