IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Sequestrati due quintali di salumi, mozzarella e pasta fresca
Schianto nella notte sull'Ofantina, cinque feriti
Munizioni della Seconda Guerra Mondiale ritrovate in un fabbricato, s'indaga
Investe una donna e fugge. Rintracciato e denunciato il pirata della strada
Esaudito il desiderio della piccola Giovanna: video chiamata con i "Me contro Te"
Precipita dall'ultimo piano, muore studentessa. Tragedia al campus di Fisciano
Open Day delle malattie della pelle, al Moscati visite dermatologiche gratuite
Incidente nella galleria di Solofra, ferita una 60enne di Aiello
Giovane professore si toglie la vita lanciandosi giù dal ponte
Scuola Premio Digitale, il Convitto nazionale "Colletta" polo provinciale per l'innovazione tecnologica

 

Alemanno ad Avellino per sostenere Sabino Morano

Gianni Alemanno

(Gianni Alemanno)
(Foto: Irpiniareport)

Confronto lunedì 4 giugno, alle ore 11.30, presso il caffè MADAI di cda Amoretta ad Avellino promosso dal Movimento Nazionale per la Sovranità sui temi della città e del Governo del Paese.
Interverranno i dirigenti locali del MNS, della Lega e della Associazione "Avellino Appartiene a Noi", i candidati della lista della LEGA alle prossime elezioni comunali, l'on. Marcello Taglialatela, il sen. Claudio Barbaro e il segretario nazionale del Movimento Nazionale per la Sovranità, on. Gianni Alemanno, e il candidato alla carica di sindaco della città di Avellino, Sabino Morano.
"Siamo ad un passo dalla liberazione della città" dichiara Ettore de Conciliis, segretario regionale del MNS "che finalmente avrà l'occasione di voltare pagina rispetto a quei Poteri che ne hanno da troppo tempo compromesso la modernità e che, negli ultimi cinque anni, l'hanno condannata ad una mortificante marginalità priva di occasioni di sviluppo e di progresso. Una nuova epoca è già iniziata, per l'Italia e per Avellino, in cui gli elettori hanno palesemente bocciato le politiche fallimentari di un centrosinistra che persegue interessi anti-italiani. La migliore risposta possibile, anche in ragione degli ultimi accadimenti relativi alle scelte del Presidente Mattarella di scegliere, in spregio alla maggioranza parlamentare, un governo gradito più ai mercati finanziari che al corpo elettorale, è naturalmente quella di confermare, anche con il voto amministrativo, l'insofferenza diffusa e maggioritaria della pubblica opinione nei confronti del vecchio potere PD e quindi rafforzare il progetto della Lega e quello di Polo Sovranista che incarna Matteo Salvini insieme alla Destra Italiana."

Condividi