IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Perde il controllo e si schianta contro il muro, paura per due anziani sull'A16
Auto sbanda e si ribalta, ferita una ragazza
Ragazzina beve alcolici e finisce in ospedale, denunciato il titolare del bar
Serino, sequestrati 800 grammi di droga occultata in casa. Un arresto e due denunce
Allerta meteo in Campania, pioggia e vento anche in Irpinia
Danni al comparto agricolo per la grandinata, Ordine Agronomi Avellino: "Proclamare lo stato di calamità naturale e disporre aiuti alle imprese"
Ofantina, al via i lavori in località Montechiuppo a Manocalzati. Code nelle ore di punta
Grandine in Irpinia distrugge frutteti e vigneti, danni ingenti
Gestione illecita di prodotti alimentari, denuncia e sanzione per un'azienda agricola
Sbanda e finisce nella scarpata, ferita 35enne

 

"D'Amore candidato, notizia importante e significativa"

Il capogruppo vicario del Pdl alla Provincia commenta con favore l'ipotesi

Ettore de Conciliis saluta con favore la possibilità che il notaio avellinese scenda in campo per la corsa alla carica di sindaco di Montefalcione

Il simbolo Pdl

(Il simbolo Pdl)
(Foto: Irpiniareport)

La notizia di una possibile candidatura alla carica di sindaco di Montefalcione del notaio Pellegrino D'Amore ha messo in moto il dibattito negli schieramenti politici. L'ipotesi piace non poco al centrodestra. Il capogruppo vicario Pdl alla Provincia, Ettore de Conciliis, commenta: "Ho appreso della possibile candidatura del notaio Pellegrino D'Amore per la carica di sindaco del Comune di Montefalcione. Chiedo cortese ospitalità alla stampa irpina, per esprimere la mia più soddisfatta meraviglia per una notizia così importante e significativa. Il possibile impegno diretto del notaio D'Amore assume una portata che travalica i confini della competizione amministrativa locale: è testimonianza di come si possono dischiudere i cancelli di una Politica sempre più riservata agli “addetti ai lavori” o ai “politici di professione”; ciò comporta un segnale formidabile per quella società civile prestigiosa, di alto profilo, onesta e produttiva che fino ad oggi non ha voluto o potuto schierarsi. Attendo quindi, con fiduciosa aspettativa, l'evolversi di questa ipotesi di candidatura, formulando al notaio D'Amore il mio sincero apprezzamento, convinto che un suo protagonismo nell'agone elettorale sia un arricchimento non solo per il PDL ed il Centro-Destra, ma per l'intero dibattito politico provinciale: da Montefalcione, cittadina simbolo, potrebbe partire un laboratorio di impegno e di iniziativa politica che assume i perimetri di un vero e proprio “modello” da esportare, con l'impiego delle migliori energie professionali ed intellettuali che ritrovano la voglia e la determinazione di dedicarsi alla vita pubblica ed al bene comune. Una candidatura di tale caratura, come quella del notaio D'Amore, avrebbe effetti su tutto lo scacchiere elettorale, coinvolgendo alleati politici e finanche gli antagonisti ad una riflessione: con in campo una personalità di questo livello, inesorabilmente, non trovano più spazio i personalismi e le faziosità; il funambolico equilibrismo della mediazione, tipico della fase della composizione delle liste, ne sarebbe travolto, sul tappeto del confronto non potranno che esserci argomentazioni di rilievo e uomini di credibilità". In ultimo, nell'augurarmi, come detto, che presto si confermi questa candidatura, confido nell'intervento del sen. Sibilia, coordinatore provinciale del PDL. Il notaio D'Amore, in queste ore, riflette su una sua “discesa in campo”: la sua dedizione per la collettività ed il suo nobile intento d'affetto per la sua città d'origine ne sono la ragione primaria; nondimeno è però importante che egli trovi nel PDL una dimora accogliente e disponibile. Sinergia e collaborazione, sono certo, saranno il giusto motivo per sciogliere gli eventuali indugi. A Montefalcione c'è una valente realtà locale del PDL, guidata dall'amico Giuseppe Ruberto ed anche, nel collegio provinciale, è eletto per il Partito il dott. Pasquale Tirone, ottimo amministratore pubblico e stimatissimo professionista. L'autorevolezza e la lungimiranza del Presidente Sibilia, in questo contesto, daranno il giusto e definitivo slancio al notaio Pellegrino D'Amore per accettare la candidatura e così caratterizzare ulteriormente la proposta politica del PDL a servizio del nostro territorio.

Condividi