IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Scuola, il 1 febbraio tornano in classe gli studenti delle superiori
Covid-19, un decesso all'ospedale "Frangipane"
Appropriazione indebita di auto, 40enne atripaldese ricercato dalla Repubblica Ceca
"Popolarmente Accasati", al via la sit-com promossa dal Teatro d’Europa. Il casting ad aprile
Anziani 80enni dispersi a Montevergine, soccorsi dai vigili del fuoco
Carenze igienico sanitarie, chiusa un'azienda alimentare di Ospedaletto d’Alpinolo
Maltrattamenti ai familiari, arrestato 30enne
Traffico di sostanze dopanti, perquisizioni dei Nas ad Avellino
Covid-19, deceduta al Moscati una 73enne di Chiusano
Atripalda, va a fuoco la stufa a gas. Paura per due anziani coniugi

 

Divieto di inserire il voto di laurea nei concorsi pubblici, Pallini (M5S): "Consentire a tutti la possibilità di accedere"

Maria Pallini

(Maria Pallini)
(Foto: Irpiniareport)

Riceviamo e pubblichiamo le precisazioni della deputata irpina del MoVimento 5 Stelle Maria Pallini sulla proposta di legge "Divieto di inserire il requisito del voto di laurea nei bandi di concorsi pubblici", di cui è firmataria. 

 "In seguito alla pubblicazione di numerosi articoli giornalistici che hanno creato non poca confusione sul tema, intendo precisare che la proposta di legge di cui sono firmataria ha come obiettivo consentire a tutti i laureati, indipendentemente dal voto di laurea, la possibilità di accedere ai concorsi pubblici. È quindi strumentale fare riferimento a un presunto orientamento del Movimento 5 Stelle a favore dell’abolizione del valore legale del titolo di studio che non è per nulla contemplata nella proposta. Si precisa, inoltre, che nella posizione del Movimento non esiste alcuna intenzione di vanificare la meritocrazia non riconoscendo il valore di un titolo di studio il cui conseguimento richiede molti sacrifici. Per questo motivo, non si esclude e anzi si incoraggia la possibilità di introdurre in ciascun bando concorsuale l’attribuzione di un punteggio a seconda del voto ottenuto che concorra a definire la graduatoria di merito dei concorsi".

Condividi