IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Violento temporale in Alta Irpinia provoca una frana, chiusa la strada provinciale 143 a Bagnoli
Cade dal ponteggio in un cantiere, operaio 47enne in prognosi riservata
Il neo sindaco di Cervinara Caterina Lengua positivo al Covid-19
Tentano di disfarsi della droga gettandola nel water, in manette due fidanzati
Covid-19 in Campania, torna l'obbligo della mascherina all'aperto. C'è l'ordinanza di De Luca
Una 48enne di Avellino è risultata positiva al Covid-19. Da luglio ad oggi i casi registrati sono 205
Coronavirus, chiuso il Comune di Cervinara. Avviata la sanificazione
Attraverso una mail rubano password e dati personali e gli svuotano il conto corrente
Coronavirus, registrati 6 contagi in Irpinia. Uno ricoverato in ospedale
Covid-19, altri 12 contagi in Irpinia: 2 ad Avellino

 

Divieto di inserire il voto di laurea nei concorsi pubblici, Pallini (M5S): "Consentire a tutti la possibilità di accedere"

Maria Pallini

(Maria Pallini)
(Foto: Irpiniareport)

Riceviamo e pubblichiamo le precisazioni della deputata irpina del MoVimento 5 Stelle Maria Pallini sulla proposta di legge "Divieto di inserire il requisito del voto di laurea nei bandi di concorsi pubblici", di cui è firmataria. 

 "In seguito alla pubblicazione di numerosi articoli giornalistici che hanno creato non poca confusione sul tema, intendo precisare che la proposta di legge di cui sono firmataria ha come obiettivo consentire a tutti i laureati, indipendentemente dal voto di laurea, la possibilità di accedere ai concorsi pubblici. È quindi strumentale fare riferimento a un presunto orientamento del Movimento 5 Stelle a favore dell’abolizione del valore legale del titolo di studio che non è per nulla contemplata nella proposta. Si precisa, inoltre, che nella posizione del Movimento non esiste alcuna intenzione di vanificare la meritocrazia non riconoscendo il valore di un titolo di studio il cui conseguimento richiede molti sacrifici. Per questo motivo, non si esclude e anzi si incoraggia la possibilità di introdurre in ciascun bando concorsuale l’attribuzione di un punteggio a seconda del voto ottenuto che concorra a definire la graduatoria di merito dei concorsi".

Condividi