IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Scomparsa Lo Conte, Mocella (Confartigianato): "Garbo e determinazione lo distinguevano. Bisogna proseguire nel suo nome per rilanciare l'Irpinia"
Coronavirus, i casi in Irpinia arrivano a 329
Gli effetti dell'emergenza Coronavirus sull'agricoltura, Picariello: "Le filiere vitivinicole, florovivaistiche e lattiero-casearie le più colpite"
Coronavirus, il presidente Biancardi: “Entro venerdì la Provincia consegna i kit in vitro veloce per la diagnosi”
Covid-19, altri 6 contagi in Irpinia. Il bilancio sale a 228
Ruba un'auto, nei guai 28enne
Covid-19, sale il bilancio in Irpinia: 222 le persone contagiate
Sanificazione, Confindustria mette a disposizione strumenti e conoscenze
Coronavirus, 2 morti al Moscati
Emergenza Covid-19, Gambino (Usmia): "Tutelare gli operatori delle forze armate"

 

Interrogazione parlamentare sull'Agenzia delle Entrate di Avellino

Il senatore Barbaro

(Il senatore Barbaro )
(Foto: Irpiniareport )

L'Agenzia delle Entrate di Avellino è al centro di una interrogazione diretta al Ministro delle Finanze e dell’Economia dal senatore della Lega Claudio Barbaro (eletto nel collegio plurinominale Campania 1 – Avellino, Benevento, Caserta). Sotto interrogazione, come si legge nel testo presentato, la «prassi troppo frequente dell’Agenzia delle entrate di Avellino nella produzione di accertamenti basati esclusivamente su congetture o “presunzioni”», una prassi che «risulta assolutamente vessatoria allorquando, solo sulla semplice base di tali “presunzioni”, si addiviene ad un contenzioso in cui la produzione documentale dell’Agenzia delle Entrate risulta caratterizzata, incredibilmente, dalla frequenza allarmante di locuzioni generiche e di opinione, come “sembra strano”, “sembrerebbe”, “potrebbe”, “è immaginabile”, “verosimilmente” e così via». L’interrogazione, si legge nel testo, si è resa necessaria poiché «tale atteggiamento, oltre che scoraggiante rispetto al contribuente, il quale percepisce che la pubblica amministrazione lo ritenga sempre, e per definizione, di sicuro colpevole di qualche reato fiscale, rischia di appesantire oltremodo il gravame processuale e burocratico, tanto da rappresentare l’Agenzia come una vera e propria “nemica” dell’impresa e del cittadino». In attesa della risposta del ministro Giovanni Tria, il sen. Barbaro suggerisce nell’interrogazione «una circolare dell’Agenzia delle entrate, nell’interesse e a garanzia dei diritti del contribuente, che limiti i comportamenti fondati su opinioni e preconcetti delle articolazioni territoriali della medesima, nonché delle commissioni tributarie».

Condividi