IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Premio Montanelli alla giornalista Virginia Della Sala
Leather Trend, da Solofra la sfida della moda di qualità
Lavoratori in nero e irregolarità sulla sicurezza, sospesa l'attività a due imprese edili. Sanzione di 15mila euro
Avellino, droga in casa e piante di marijuana nel giardino. In manette 40enne
Regolamento di tutela sostenibile del patrimonio forestale regionale, Picariello (Odaf): "Ha sempre contribuito al dibattito per l’aggiornamento della legge n. 11/96
Scacco al clan Partenio, 23 arresti all'alba
Iannaccone-Di Iasi sfrecciano e vincono in Molise
Sequestro di alimenti in un ristorante di Calitri, sanzione per 1500 euro
Tentato furto allo sportello bancomat, ladri in fuga
Realizzano costruzioni in prossimità del fiume Sabato, denunciate 7 persone

 

Interrogazione parlamentare sull'Agenzia delle Entrate di Avellino

Il senatore Barbaro

(Il senatore Barbaro )
(Foto: Irpiniareport )

L'Agenzia delle Entrate di Avellino è al centro di una interrogazione diretta al Ministro delle Finanze e dell’Economia dal senatore della Lega Claudio Barbaro (eletto nel collegio plurinominale Campania 1 – Avellino, Benevento, Caserta). Sotto interrogazione, come si legge nel testo presentato, la «prassi troppo frequente dell’Agenzia delle entrate di Avellino nella produzione di accertamenti basati esclusivamente su congetture o “presunzioni”», una prassi che «risulta assolutamente vessatoria allorquando, solo sulla semplice base di tali “presunzioni”, si addiviene ad un contenzioso in cui la produzione documentale dell’Agenzia delle Entrate risulta caratterizzata, incredibilmente, dalla frequenza allarmante di locuzioni generiche e di opinione, come “sembra strano”, “sembrerebbe”, “potrebbe”, “è immaginabile”, “verosimilmente” e così via». L’interrogazione, si legge nel testo, si è resa necessaria poiché «tale atteggiamento, oltre che scoraggiante rispetto al contribuente, il quale percepisce che la pubblica amministrazione lo ritenga sempre, e per definizione, di sicuro colpevole di qualche reato fiscale, rischia di appesantire oltremodo il gravame processuale e burocratico, tanto da rappresentare l’Agenzia come una vera e propria “nemica” dell’impresa e del cittadino». In attesa della risposta del ministro Giovanni Tria, il sen. Barbaro suggerisce nell’interrogazione «una circolare dell’Agenzia delle entrate, nell’interesse e a garanzia dei diritti del contribuente, che limiti i comportamenti fondati su opinioni e preconcetti delle articolazioni territoriali della medesima, nonché delle commissioni tributarie».

Condividi