IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Covid-19, la situazione in Irpinia: 54 casi positivi e 3 decessi
Video diffamatori diffusi sui social: nei guai una 21enne di Sturno
Sbanda e si ribalta, ferita una 58enne
Il presidente Biancardi in visita al Comando provinciale dei vigili del fuoco
Truffa alle assicurazioni, finge 29 incidenti. Nei guai una 44enne di Avellino
Vittoria spegne la sua prima candelina
Scuola, il 1 febbraio tornano in classe gli studenti delle superiori
Covid-19, un decesso all'ospedale "Frangipane"
Appropriazione indebita di auto, 40enne atripaldese ricercato dalla Repubblica Ceca
"Popolarmente Accasati", al via la sit-com promossa dal Teatro d’Europa. Il casting ad aprile

 

Operazione Dda, Ciampi (M5S): "Organizzazione criminale che ha messo le mani su gangli vitali della città "

Vincenzo Ciampi

(Vincenzo Ciampi)
(Foto: Irpiniareport)

"L’operazione della Dda svela definitivamente un sistema che aveva messo le mani su gangli vitali della città. Gravissimi i reati contestati". È quanto afferma Vincenzo Ciampi consigliere regionale del M5S in una nota. " L’operazione della Dda - prosegue Ciampi - che ha messo in ginocchio l’organizzazione criminale legata al Clan Partenio ad Avellino e Mercogliano svela definitivamente un sistema che aveva messo le mani su gangli vitali della città. Gravissimi i reati contestati: associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsione, scambio elettorale politico-mafioso, turbata libertà degli incanti, Falsità materiale, truffa, trasferimento fraudolento di valori e riciclaggio. Il lavoro essenziale - sottolinea Ciampi - dei magistrati e delle forze dell’ordine ha già portato all’avvio di un processo proprio in questi giorni, ora si apre un secondo filone di uguale gravità e che sconcerta per il livello di penetrazione nella società irpina. Sono stati messi a rischio anche valori essenziali come quelli del libero accesso al voto e il diritto all’intrapresa: non abbasseremo la guardia e saremo vicini a cittadini e imprenditori che hanno sofferto questi drammatici anni. Esprimo - conclude Ciampi - con l’occasione solidarietà ai giornalisti del Mattino e di Irpinia tv che sono stati duramente colpiti nella loro professionalità dalle parole del sindaco di Avellino Festa dopo la diffusione delle informazioni relative alla mancata costituzione del Comune come parte civile al processo appena iniziato relativo alla prima inchiesta sul Clan Partenio".

Condividi