IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, in giro per la città con un machete: bloccati due romeni
Raccordo Av-Sa, auto s'incastra sotto il guard rail
Schianto frontale sull'Ofantina, due feriti
Arrestato sull'Ofantina dopo inseguimento, in auto aveva 19 dosi di eroina
Serino, si appropria di un portafoglio con 1200 euro. Denunciato 60enne
Carne di agnello in cattivo stato, sequestro in una macelleria. Nei guai il titolare
Cumulo di rifiuti speciali presso un'officina, denunciato il titolare
Calci e pugni ad un cliente del bar, arrestato 50enne
Furti in abitazione, sgominata banda di ladri. Arrestati tre avellinesi
Benedizione degli animali a Cesinali, nel cuore antico si rinnova la tradizione

 

Pd, non ci saranno parlamentari irpini. Oltraggio alla storia

Il Coordinamento provinciale del Pd

(Il Coordinamento provinciale del Pd)
(Foto: Irpiniareport)

Per il Partito Democratico è una disfatta. Per la prima volta in dieci anni di storia della formazione non ci saranno parlamentari irpini che siederanno nella prossima legislatura sia alla Camera sia al Senato. Davvero una disfatta. Il dato è ancora più clamoroso se si considera il fatto che per la prima volta nella sua storia via Tagliamento, sede storica della Democrazia Cristiana, della Margherita ed ora del Pd non esprime rappresentanti in seno a Montecitorio o a Palazzo Madama. Unico eletto sarà il sannita Umberto Del Basso De Caro che rappresenterà, quindi, la provincia di Avellino e la provincia di Benevento. Un oltraggio alla tradizione democristiana irpina.

Condividi