IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Pietrastornina, il prefetto Matteo Piantedosi intervista Marino Bartoletti autore dell'almanacco del Festival di Sanremo
Esplosione al bancomat, ladri in fuga con il bottino
Muore investito da un'auto. Tragedia sulla SS Appia
Tragedia a Serino, muore 18enne durante la festa di compleanno
Furti nelle abitazioni e nei locali. I ladri banchettano nella cucina di un agriturismo
Auto prende fuoco mentre sale verso il Santuario di Montevergine, salva una famiglia
Giro di assegni clonati per un valore di 190mila euro, nei guai 10 persone
Imprenditore tenta di togliersi la vita impiccandosi, salvato in extremis da un 16enne
Atripalda, scoppia la rissa in un bar di via Appia. Denunciati in tre
Ritrovata nella notte Lidia Famiglietti, la 16enne scomparsa ieri da Ariano Irpino

 

Pdl, Battista: "Sibilia unico leader"

Sibilia, Nitto Palma e Battista

(Sibilia, Nitto Palma e Battista)
(Foto: Irpiniareport)

A margine del dibattito sul futuro del Pdl, il consigliere comunale di Avellino Nicola Battista, ribadisce la propria posizione: "Da quando è calato il sipario delle amministrative in Città, nel marasma nazionale e nel silenzio assordante della provincia, sono rimasto ad osservare quanto evolveva nel mio partito, pur continuando ad operare nello spirito del mandato conferitomi dagli elettori. Qualche minuto fa ho ricevuto l’ennesimo messaggio del Cavaliere dal sito forzasilvio.it. È chiaro, finalmente, che questa volta il Cavaliere non avrà tentennamenti. Potremo riprendere il nostro cammino che abbiamo iniziato nel 1994, quando decisi di credere in Berlusconi e costituii il gruppo consiliare di Forza Italia in seno all’Amministrazione comunale di Avellino. Quanti personaggi sono passati e “trapassati” nelle nostre stanze! Ma noi siamo e restiamo sempre al nostro posto. Chi aveva pensato a sistemarsi è dovuto tornare sui suoi passi. Da Consigliere Regionale prima e da Senatore poi, Cosimo Sibilia, dimostrando con il suo consenso elettorale che “conta chi sei e non chi ti manda”, ha retto il partito con sapienza e lucidità, da vero leader, e oggi ci dà ancora la forza e il coraggio di riprendere la strada maestra lasciando al palo quei capetti che da nullità pensano di diventare protagonisti saltando sul carro del vincitore di turno. Cosimo non sempre è stato capito, ma con sagacia ha perseguito gli scopi del Partito e i fatti gli danno ancora una volta ragione. La dichiarazione del Presidente Berlusconi di oggi non lascia spazio ad altre interpretazioni, gli abbiamo creduto nel 94 e gli crediamo oggi. Forza Italia resta il partito protagonista della scena politica nazionale e noi siamo onorati e fieri di farne parte".

Condividi