IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, sale il numero dei contagi: sono 247 i positivi di oggi
Contravviene alle misure anti Covid per rubare casse di birra in un supermercato, denunciato
Covid-19, 36 contagi a "Villa dei Pini". Si attende riscontro dell’Asl
Avellino, fuoco ai cassonetti dei rifiuti. Danni a un'auto e alla facciata del palazzo
Covid-19, quarto decesso nella giornata: muore una 82enne. Ricoverata per polmonite
Covid-19, dimessi il 15enne e la mamma ricoverati al Moscati una settimana fa
Covid-19, terza vittima in poche ore: muore 66enne
Covid-19, aggiornamento contagi: 93 i positivi
Scuole, in Campania restano chiuse. Per la primaria monitoraggio fra 10 giorni
Demolizione viadotto di Manocalzati, traffico deviato fino al 22 dicembre

 

Primarie Pd, Caputo: "Gennaro Migliore, apprezzabile profilo ma non rappresentativo"

Il simbolo Pd

(Il simbolo Pd)
(Foto: Irpiniareport)

Antonio Caputo: Gennaro Migliore? Non è una candidatura rappresentativa e vincente! AVELLINO - “Gennaro Migliore candidato alle primarie? Ben venga, ma il suo apprezzabile profilo personale non collima pienamente con l’identikit di un possibile candidato vincente”. E' quanto sostiene Antonio Felice Caputo, colonnello della Guardia di Finanza ex sindaco di Aiello del Sabato ed ex consigliere provinciale, intervenendo nel dibattito in corso sulla consultazione interna al Pd. “Mio malgrado – prosegue Caputo – non posso non ritornare sulla questione delle primarie. Dopo le vicende occorse in Liguria ritengo ancora più necessaria la loro indizione qui da noi, in Campania. C’è, infatti, l’assoluta necessità di difendere un istituto democratico di partecipazione dei cittadini, attraverso una risposta organizzativa seria e trasparente. Soltanto così si potrà restituire fiducia agli iscritti e agli elettori che guardano al Pd come forza di cambiamento. Nonostante le difficoltà del percorso, il nostro partito rappresenta la sintesi dei filoni politici e culturali che hanno fatto, pur con tutti i limiti e le contraddizioni, la storia del Paese, assicurando per decenni diritti sociali e crescita economica. L’esperienza del cattolicesimo democratico della Dc prima e del Ppi e della Margherita, poi, il socialismo ed il riformismo di Pds e Ds, oltre che del Psi, hanno costituito, insieme alla sensibilità cristiano-sociale, l’orizzonte politico di centrosinistra del Pd. Personalmente, con altri iscritti e dirigenti, ho sempre seguito con coerenza e senso di appartenenza questa linea politico-ideologica, senza salti opportunistici, anche quando eravamo in pochi nella precaria sede di via Circumvallazione, estemporaneamente approntata dopo il traumatico sfratto subito dalla sede storica di via Tagliamento. Oggi, quindi, la mia onestà intellettuale mi induce a sostenere che l’onorevole Gennaro Migliore, fermo restando il rispetto per la persona e per il suo percorso politico, non rappresenta il profilo ideale e vincente del candidato alla presidenza della Regione. Non possiamo dimenticare le sue posizioni estremamente critiche con la nostra linea e di ferma opposizione al Pd espresse fino a qualche anno fa, quando era un dirigente nazionale di Rifondazione comunista. Sia chiaro, comunque, che accolgo positivamente il suo ingresso nel partito, frutto evidentemente di una revisione delle posizioni ideologiche del passato. Ma ritengo altresì che per battere il centrodestra si debba puntare su un rappresentante nel quale possano riconoscersi ampie fasce di cittadinanza che credono in un avanzato progetto di governo della Regione”, conclude Caputo.

Condividi