IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Furti in abitazione, sgominata banda di ladri. Arrestati tre avellinesi
Benedizione degli animali a Cesinali, nel cuore antico si rinnova la tradizione
Avellino, fuga di gas in un palazzo. Paura in via Roma
Rottura condotta idrica, diversi Comuni irpini senz'acqua, Anche Avellino e Atripalda
Esercitava attività di scommesse senza autorizzazioni, nei guai una 55enne
Cade dal tetto dello stabilimento, ferito operaio 60enne
Raid al cimitero, rubati vasi in rame e ottone
Schianto all'alba, muore 40enne di Mercogliano
Cantante conteso, scoppia la rissa al ristorante
Anziana raggirata e derubata in casa, è caccia a due donne

 

Sipari aperti, Giacobbe (Pd): "Nulla da temere sulla trasparenza degli atti"

Giuseppe Giacobbe

(Giuseppe Giacobbe)
(Foto: Irpiniareport)

"Ho firmato la richiesta di accesso agli atti di “Sipari aperti” avanzata dall’opposizione consiliare perché l’Amministrazione comunale non ha nulla da temere sulla trasparenza degli atti", così il capogruppo Pd al Comune di Avellino, Geppino Giacobbe, sulla vicenda della rassegna di scena al Teatro Gesualdo. "Questa rassegna - aggiunge -, promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Avellino, grazie ad un finanziamento della Regione Campania, è di altissima qualità e sta riscuotendo un grande successo non solo in provincia. E’ fin troppo chiaro l’obiettivo dell’opposizione che, inseguendo il "tanto peggio tanto meglio", insinua dubbi su di un protocollo d’intesa tra due enti pubblici (Comune di Avellino e Fondazione Campania dei Festival, una partecipata al 100% della Regione Campania senza scopo di lucro) in materia di attività artistiche e culturali, stipulato in un momento di grande difficoltà per il Gesualdo. Il Gruppo del PD sostiene convintamente l’assessore Gambardella, l’intera amministrazione e chi si sta fortemente impegnando per il nostro Teatro. In una situazione sicuramente difficile, faccio appello al senso di responsabilità di tutti affinché le demagogie da campagna elettorale lascino spazio al confronto sulle decisioni da prendere per la salvezza ed il rilancio del Massimo cittadino".

Condividi