IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Da oggi riaprono gli scavi archeologici di Mirabella Eclano
Avellino, obbligo della mascherina al Corso da oggi fino a lunedì. Multa da 400 euro per i trasgressori
Ferragosto in Irpinia, scattati i controlli per garantire sicurezza e legalità
Coltivavano piante di cannabis, nei guai padre e figlia
Pugni e schiaffi a un giovane per rapinarlo dello smartphone, arrestato napoletano
Tragedia sfiorata in autostrada: albero cade sull'A16
Avellino, movida e assembramenti: vietata la vendita di alcolici dopo le 21 nei market
Guasto condotta idrica a Mercogliano, dieci Comuni senz'acqua
Ospedale di Solofra, restituiti ai donatori i 230mila euro raccolti per la realizzazione della terapia intensiva
Uffici Postali aperti a Ferragosto, 160 ad Avellino e provincia

 

"Sui rifiuti adotteremo strategie condivise con le Province"

L'assessore regionale all'Ambiente chiarisce la posizione di Palazzo Santa Lucia

Giovanni Romano, in una nota, sottolinea la volontà del Governo Caldoro la richiesta di solidarietà verso la provincia di Napoli

Il logo della Regione Campania

(Il logo della Regione Campania)
(Foto: Carmine Bellabona)

“La Giunta regionale della Campania si farà carico di formulare modifiche legislative per armonizzare le esigenze generali in materia di rifiuti con le prerogative dell'attuale sistema organizzato in ambiti provinciali”. Lo ha detto l'assessore regionale all'Ambiente, Giovanni Romano, in merito alle ipotesi avanzate dal vicepresidente Giuseppe De Mita e alle richieste del consigliere regionale Gennaro Salvatore sulla impostazione territoriale del ciclo integrato dei rifiuti. “L'iniziativa avviata in Consiglio Regionale da Gennaro Salvatore – ha dichiarato Romano - è stata originata dall'aver rilevato come un sistema di ambiti territoriali eccessivamente rigido possa compromettere la funzionalità complessiva del sistema campano. La sua legittima preoccupazione non può essere elusa ma è di stimolo per affrontare e risolvere la questione all'interno di una disciplina normativa che, tenendo conto degli ambiti esistenti, definisca in modo più puntuale i meccanismi attraverso i quali concretizzare forme di reciproca solidarietà tra gli stessi. “Il contenuto del Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti Urbani presentato due giorni fa dimostra che, anche a normativa vigente, possono essere attuati dispositivi operativi in grado di fronteggiare, in situazioni di criticità, le difficoltà quotidiane nell'ambito di un contesto di sistema impiantistico regionale. L'Assessorato all'Ambiente e al Ciclo dei Rifiuti della Regione si farà perciò carico di avviare l'elaborazione di una proposta che coniughi le diverse esigenze. La stessa sarà sottoposta anche al tavolo interistituzionale presieduto dal presidente del Consiglio Regionale, Paolo Romano, a cui siedono i presidenti delle Province”, ha concluso Romano.

Condividi