IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Le giacche della Leather Trend di Solofra protagoniste dello spot della Vodafone 
Incendiato un camion in un terreno, s'indaga
Covid-19, la situazione in Irpinia: 54 casi positivi e 3 decessi
Video diffamatori diffusi sui social: nei guai una 21enne di Sturno
Sbanda e si ribalta, ferita una 58enne
Il presidente Biancardi in visita al Comando provinciale dei vigili del fuoco
Truffa alle assicurazioni, finge 29 incidenti. Nei guai una 44enne di Avellino
Vittoria spegne la sua prima candelina
Scuola, il 1 febbraio tornano in classe gli studenti delle superiori
Covid-19, un decesso all'ospedale "Frangipane"

 

Tra Caldoro e Casini frecciate a distanza

Il Governatore risponde a Casini sugli accordi elettorali per il Comune di Napoli

Il presidente della Regione ritiene un'anomalia la scelta dello scudocrociato di non confermare alle Amministrative l'accordo con il Pdl

Stefano Caldoro

(Stefano Caldoro)
(Foto: Carmine Bellabona)

Polemica a distanza tra il leader nazionale dell'Udc, Pier Ferdinando Casini, e il governatore della Campania, Stefano Caldoro. Il presidente di Palazzo Santa Lucia, in occasione della convention a Napoli con il candidato sindaco del Pdl, Gianni Lettieri e il Governatore della Regione Lazio, Renata Polverini, ha lanciato una frecciata a Casini. Quest'ultimo, nei giorni scorsi, aveva sottolineato che in Campania l'intesa per la competizione regionale era stata sottoscritta tra l'Udc e Caldoro, spiegando così la divisione tra il suo partito e il Popolo della Libertà in questa tornata per le Amministrative. Netta la replica del presidente della giunta campana: "È bene precisare che gli accordi li ha fatti l'Udc con Caldoro, ma no solo. Sono stati raggiunti anche con Cesaro, quindi con l'80% dei comuni, tra cui Salerno e Caserta. Anomalo che lo stesso non sia accudato a Napoli". Aria di frizioni a Palazzo Santa Lucia? Da più parti, all'interno del centrodestra, viene chiesto a gran voce di "cacciare" lo scudocrociato dall'esecutivo di Palazzo Santa Lucia e dalle giunte locali ai vari livelli. E ciò proprio in considerazione della scelta dell'Unione di Centro di non condividere l'indicazione di Lettieri per la corsa al Comune di Napoli. L'Udc e il Terzo Polo hanno puntato sul rettore dell'Università di Salerno, Raimondo Pasquino.

Condividi