IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
La Zeza di Cesinali protagonista ad Avellino alla sfilata dei Carnevali irpini
Allarme a Montefusco: 26enne torna in Irpinia da Codogno focolaio di Coronavirus. Famiglia in quarantena
Successo e partecipazione a Cesinali con la Zeza dei bambini della scuola primaria
Avellino, agronomi e architetti a confronto su "Il verde possibile e protetto”
Schianto davanti all'Abbazia del Loreto, tre feriti
Rissa in strada a colpi di bastone, denunciati tre uomini
Dirigenti della Polisportiva Santo Stefano aggrediti sugli spalti a fine partita
Anziano morto abbandonato sul marciapiede, arrestata la convivente
Svaligiata una boutique a Mercogliano, rubati 600 capi
Distrusse i beni dell'Ufficio Protocollo del Comune, condannato operatore ecologico

 

Basket, il prepartita Sidigas Avellino–Granarolo Bologna a cura di Marco Rizzo

Di fronte ci sarà l'ex Giorgio Valli

Giorgio Valli

(Giorgio Valli)
(Foto: Irpiniareport)

Secondo match consecutivo in casa per la Scandone Avellino che ospita la Granarolo Bologna dell’ex coach bianco verde Giorgio Valli. Sarà sicuramente una partita molto sentita da tutto l’ambiente irpino, visto che il coach modenese non ha lasciato un bellissimo ricordo alla piazza, sia per le sue idee più o meno condivisibili su un parquet di pallacanestro e sia per i suoi atteggiamenti non sempre giustificabili. Passando però al basket giocato, la Scandone, per tentare di raggiungere la post season deve assolutamente fare bottino pieno contro una squadra che nelle ultime uscite sembra aver trovato la quadratura del cerchio. Rispetto alla partita d’andata, quando la Scandone espugnò l’Unipol Arena con il risultato di 74 – 78, i due roster hanno subito dei cambiamenti non indifferenti. Soffermandoci su quelli della nostra diretta avversaria, la squadra bianco nera ha subito una mutazione non indifferente rispetto al 22 dicembre scorso; innanzitutto, come detto precedentemente, c’è stato il cambio di timoniere, con l’arrivo proprio di Giorgio Valli al posto di un deludente Luca Bechi …. In cabina di regia si registra l’arrivo del playmaker Willie Warren, classe ’89, 193 centimetri … Willie è forse il play che la Granarolo Bologna ha voluto sin dall’inizio della stagione, molto intelligente e poco accentratore di gioco, proprio l’opposto di Casper Were, tagliato anch’esso per poca compatibilità il gioco di Valli e soprattutto perché, sin dall’inizio dell’anno, non ha mai convinto più di tanto tutta la dirigenza bolognese. Il texano è alla sua terza partita in maglia Virtus, e subito ha trovato la sua dimensione, giocando 34 minuti di media, realizzando 9 punti, ma con 5,7 assist ad allacciata di scarpa … il numero della casellina degli assist è molto importante, visto che Bologna ha sempre rinnegato di avere un giocatore capace di mettere in ritmo l’enorme potenziale offensivo che ha a disposizione … inoltre Warren cattura anche 4,6 rimbalzi di media per gara, segno che non è affatto un giocatore monodimensionale ma, proprio come piace a Valli, può occupare tante posizioni sia in attacco e sia in difesa.
Secondo arrivo in casa V-nere è quello di Ndudi Ebi, anche lui vecchia conoscenza del popolo avellinese … Ebi è un giocatore che è stato voluto fortemente da Valli, come lo volle fortemente quando cominciò la passata stagione qui in irpinia … non ha assolutamente bisogno di presentazioni, visto che ha avuto tanto tempo per farsi “apprezzare” ad Avellino … talento offensivo devastante per un giocatore che ha il cervello grande quanto una pallina da ping pong, ha portato al reparto lunghi bolognese tanto estro e tanta fantasia offensiva che prima del suo arrivo non avevano. Bologna arriva ad Avellino pronta a mettere i bastoni tra le ruote ai ragazzi di cach Vitucci che dovranno essere bravi a non cadere nella trappola … Giorgio Valli verrà a giocarsi la partita della vita, sia per provare a ribaltare quei quattro punti che dividono le due squadra negli scontri diretti e sia per togliersi un sassolino dalla scarpa non indifferente, dopo la brutta figura che lo ha portato all’esonero nella passata stagione.
La Scandone dal canto sua deve provare a dare continuità alla prestazione di domenica scorsa, visto che il discorso play – off non è ancora archiviato … la settimana di allenamenti non è stata affatto facile per il coach bianco verde, visto che ha dovuto rinunciare al suo playmaker titolare che, dopo le noie muscolari avute negli ultimi minuti della partita contro la Reyer Venezia, ha disertato gli allenamenti con la squadra, lavorando prettamente sul differenziato …. La sua presenza domenica sera non dovrebbe essere a rischio, anche se penderà sulla testa dello sloveno una condizione fisica non di certo eccellente. Di certo vedremo una partita combattuta su tutti e due i lati del campo … ma la Scandone deve provare a tornare a casa col referto rosa se vuole continuare a sognare i play off. (Marco Rizzo)

Condividi