IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Picchia la figlia con un bastone, arrestato padre violento
Rinvenuto cadavere in un appartamento, s'indaga
Schianto tra autobus e compattatore, paura per 10 bambini
Avellino, incidente in via Due Principati: auto sbanda e finisce nella scarpata. Ferita una ragazza
La Sala Consiliare di Palazzo Caracciolo intitolata a Pietro Foglia. Biancardi: “Mercoledì la cerimonia a un anno dalla dipartita”
Risorse idriche, il presidente Picariello (Odaf): "Ottimizzare la gestione per aumentare il contenuto di sostanza organica nei suoli"
Bloccati sull'A16 a bordo di un furgone con attrezzi da scasso e denaro contante
Atripalda, ruba prodotti nel supermercato. Denunciato dipendente
Operai in nero in un cantiere, nei guai un imprenditore edile
Monteforte Irpino, sorpresi a tagliare faggi in area protetta. Denunciati

 

Campionato Italiano di Karate, 2 bronzi per l'avellinese Matteo Sarno

Il maestro Luciano Natalino e Matteo Sarno

(Il maestro Luciano Natalino e Matteo Sarno)
(Foto: Irpiniareport)

Sono di Matteo Sarno i due bronzi della categoria 12-14 anni cintura verde al campionato italiano di karate.
L’atleta avellinese della scuola di karate a.s.d. Raion diretta dai maestri Natalino Luciano e Gaita Raffaele sbaragliando la concorrenza in una categoria affollatissima, vince in entrambe le specialità, kata e kumite, la finalina per il terzo posto, dopo aver perso l’ingresso in finale negli ultimi secondi di gara.
Il campionato Italiano di karate vanta numerose presenza, quasi 1300 atleti in gara per due giorni di vere emozioni agonistiche. Fra atleti, accompagnatori e appassionati provenienti da tutta Italia, Sarno ha superato brillantemente la prova nazionale rendendosi conto personalmente del livello in cui dovrà confrontarsi per il futuro. Il ragazzo ha dimostrato maturità e soprattutto coraggio affrontando con serietà e sportività ogni situazione saggiando l’ebbrezza del podio e dando filo da torcere ai suoi avversari. Per onor di cronaca è da sottolineare il comportamento altrettanto sportivo dei genitori, presenti a questo evento, i quali, collaborando in modo certosino, han fatto sì che la trasferta si svolgesse gradevole e serena.

Condividi