IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Pascolo senza autorizzazione sanitaria, due denunce. Multa da 3.500 euro
Prende a morsi un carabiniere, nei guai 30enne di Mercogliano
Verde pubblico, Picariello (Ordine Agronomi): "Un adeguato piano per tutelare la salute e maggiore protezione contro le calamità "
Bruciata un'auto nella notte, s'indaga
Avellino, dimessi i due giovani motociclisti in coma dopo un incidente
Serino, tagliano faggi in area protetta. Denunciati per furto
Schiacciato dal trattore mentre lavora nei campi, muore 29enne
Giovane di Volturara tenta di lanciarsi da un viadotto dell'Ofantina, salvato in extremis
Allevava cinghiali illegalmente, denunciato un anziano
Monteforte Irpino, fiamme al centro commerciale "Montedoro": bruciato un furgone

 

Serie minori, ancora difficoltà per il Serino

In terza categoria brilla la stella Sorbo

In Promozione la pioggia condiziona il turno di campionato

Una sfida dei campionati minori

(Una sfida dei campionati minori)
(Foto: Carmine Bellabona)

Nonostante il ritorno di Gargiulo sulla panchina del Serino gli irpini subiscono ancora una sonora sconfitta. Tutto facile, dunque, per lo Sporting Scafati che sblocca il risultato dopo nove minuti con Gallinaro. Raddoppia Evacuo, fratello di Felice ex attaccante dell'Avellino adesso al Benevento, al 33' della prima frazione. Nella ripresa il tris porta la firma di Cirillo, mentre nel finale Evacuo spreca un rigore. SPORTING SCAFATI-SERINO 3-0 SPORTING SCAFATI: Gallo, Caraviello, Tito, Langella, Ruotolo, Cirillo, Ammirati, Avino, Evacuo, Gallinaro, Iyke (15’ st Colantuono). A disp: Ingenito, Esposito, Panico, Lauria, Gagliano, Cataldo. All.Langella (De Felice squal.). SERINO: Romeo, Sicilia, De Maio, De Dilectis, Salerno, Iacuzzo, Marrazzo, Salomone, VIzzariello, Grieco, Di Costanzo. A disp: Inserra, Diriso, Tammarom Maffeo, Sessa, De feo, Pisano. All.: Gargiulo . Arbitro: Cimmino di Sala Consilina MARCATORI: 9’ pt Gallinaro, 33’ pt Evacuo, 20’ st Cirillo. PROMOZIONE – SONO SOLO TRE LE GARE DISPUTATESI SABATO 5 MARZO – Sabato 5 marzo a farla da padrone non è stato lo spettacolo calcistico ma ben si il maltempo con diluvi che hanno impedito il corretto svolgimento delle gare, sicuramente anche le strutture presenti nelle nostre zone non hanno aiutato lo svolgimento delle gare. Nel girone C del campionato di Promozione si sono svolte appena tre gare, infatti, le gare rinviate sono state Rione Mazzini-Torrecuso, Città di Atripalda-Real San Felice, Real Suessola-Venticano e Vis San Nicola-Mirabella Eclano. Si sono disputate, invece, San Martino-Felice Scandone 2-1, Mas Avellino-San Giorgio 4-1 ed Atletico Benevento-Ariano Irpino 0-0. PRIMA CATEGORIA – VETTA A MENO UNO PER IL BAIANO – Il Baiano di Santorelli stende il Paternopoli e si porta ad una lunghezza dal primo posto della classifica, vista anche la contemporanea sconfitta del Real Forino contro il Carotenuto. La gara si mette subito bene per il Baiano che al 7’ si portano in vantaggio con Francesco Sgambati e dopo pochi minuti è Stefano Sgambati che deve essere sostituito per una botta al ginocchio e quindi il coach Santorelli inserisce il giovane Metro, ma, da qui alla fine della prima frazione di gioco non succede più nulla. Nella ripresa il Baiano cerca di chiudere la gara mentre il Paternopoli con una formazione fortemente rimaneggiata cerca di avviare contropiedi senza successo ed è ancora Francesco Sgambati che con la sua seconda doppietta consecutiva che chiude i giochi. E dopo 3’ di recupero il direttore di gara Sig. Ciliento della sezione di Frattamaggiore manda tutti negli spogliatoti. TERZA CATEGORIA – LA FAVOLA SORBO SERPICO – È senza dubbio Luca Di Rienzo l’artefice della favola Sorbo Serpico, infatti, è l’ex calciatore di Avellino, Lioni, Volturara, Venticano, Ariano e Pietralcina che sta guidando la compagine verso la Seconda categoria e proprio la gara contro la Dinamo San Felice ne è la testimonianza, una gara giocata con carattere, gioco pratico e concreto. Le reti sono state segnate da Daniele Tomasetti e la doppietta dell’esperto Giovanni Iovanna. (GERARDO GALASSO)

Condividi