IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Asd Taekwondo Avellino, bronzo per Mattia Argenio ai Campionati Italiani di Ancona
Ruba 300 euro a un cliente e fugge, denunciato fruttivendolo ambulante
Cameriere spacciatore beccato dal fiuto del cane Gero
Si rifiutano di pagare il biglietto e aggrediscono l'autista, denunciati in tre
Insolvenza fraudolenta, arrestato anziano di Monteforte
Ubriaco sorpreso con droga e mazza da baseball, nei guai 28enne
Avellino, al via la messa in sicurezza di via Acciani. Sciscio: "Monitoraggio costante delle infrastrutture cittadine"
Furti ad Avellino, in azione serbi e rumeni. Prese tre bande
IIA, Uliano (Fim-Cisl): "Inaccettabile il ricatto salariale"
Cesinali sfiora il jackpot, vinti 60mila euro al SuperEnalotto

 

"Il vino di successo nasce in vigna": gli agronomi irpini al Salone del Vino di Salerno

Ciro Picariello e Antonio Capone

(Ciro Picariello e Antonio Capone)
(Foto: Irpiniareport)

Il vino di successo nasce in vigna. E’ quanto affermano i dottori agronomi irpini che hanno partecipato al Primo Salone del Vino di Salerno nell’incontro dal titolo “Dalla terra al vino: le opportunità del Piano di Sviluppo rurale 2014-2020 in Campania per il settore vinicolo”. Presenti all’evento il presidente dell’Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali della Provincia di Avellino, Ciro Picariello e il vicepresidente Antonio Capone che ha relazionato su “L’agronomo e la qualità in vigna per un vino di successo". “E' ormai risaputo che per produrre un vino di successo è necessario produrre uve di qualità in vigna”, spegano i dottori agronomi. “Questo è dovuto alla vocazionalità del sito , all'interazione tra suolo-clima e vitigno, alle tecniche viticole e agronomiche adottate in vigna. L'agronomo ha un ruolo di grande responsabilità, deve conoscere e prevedere le interazioni che si creano tra suolo- clima e vitigno e in base all'annata e degli obiettivi di qualità, intervenire con le tecniche viticole opportune. In molti distretti di eccellenza oggi produrre qualità è quasi scontato. L'agronomo, quindi, deve porsi nuovi obiettivi, guardare alle nuove sfide, avere fame d' innovazione. Le nuove sfide per l'agronomo sono : produrre qualità in vigna sempre più sostenibile, adottare nuove tecniche viticole per contrastare i cambiamenti climatici in atto , produrre uva con identità territoriale, viticoltura di precisione".

Fotogallery (3)

  • Ciro Picariello e Antonio Capone
  • Antonio Capone
  • Il Salone del Vino

Condividi