IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
“BirrArt Sud”, al via l'edizione di giugno. La birra artigianale torna protagonista alla frazione Villa San Nicola di Cesinali
Avellino, bomba carta contro un locale di Palazzo Ciardiello
Forestali, la Provincia anticipa 3 stipendi
Sgominata la banda specializzata nei furti delle Fiat Panda, rubate in Irpinia oltre 30 auto
Controlli delle Fiamme Gialle alla movida avellinese, sequestrati hashish e marijuana nel week end
Montoro, soffocato da una mozzarella: muore al ristorante
Furto in una gioielleria di Torrette, ingente il bottino
Abusa della figlia per 5 anni, choc in Irpinia
Slalom della Laura-Trofeo Aniello Mauriello, scattato il conto alla rovescia per la gara automobilistica
Maria Pallini (M5S): "I prodotti della nostra terra vero volano dello sviluppo"

 

Con "YouPol" chatti con la polizia: attivata anche ad Avellino l'App contro bullismo e spaccio

Presentazione del progetto

(Presentazione del progetto "YouPol" della polizia )
(Foto: Irpiniareport)

E' attiva anche ad Avellino l'App antibullismo e spaccio. “Basta un’App per essere protagonista della sicurezza”. Con questo slogan il questore di Avellino, Luigi Botte, insieme alla dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale, Rosa Grano, ha presentato “YouPol”, il nuovo progetto per la sicurezza dei ragazzi promosso dalla Polizia di Stato. Si tratta di un’applicazione gratuita, scaricabile su tutti gli smartphone sia con il sistema Apple sia Android, con la quale è possibile segnalare casi di bullismo o spaccio di droga. Lo si può fare anche in forma anonima. E’ a disposizione di tutti i cittadini, ma in modo particolare si rivolge ai giovani. Ad illustrarne il funzionamento, è stato il capo della Sezione Volanti, il vicequestore Elio Iannuzzi, che con i suoi uomini monitora quotidianamente l’universo giovanile. La segnalazione attraverso “YouPol” può avvenire con un messaggio o inviando una foto, scattata immediatamente o recuperata dalla galleria. E’ importante la localizzazione. Attraverso il Gps viene interessata la Questura più vicina in modo da individuare subito il luogo. Il messaggio è anonimo, ma vi è anche la possibilità di registrarsi. L’utente una volta segnalato il fatto può essere messo a conoscenza del suo evolversi. Alla presentazione hanno partecipato gli allievi dell’istituto “Luigi Amabile” di Avellino, accompagnati dalla dirigente Antonella Pappalardo, che hanno mostrato interesse per l’iniziativa.

Fotogallery (3)

  • Presentazione del progetto
  • Presentazione del progetto
  • Presentazione del progetto

Condividi