IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Cade il Carro di Fontanarosa su una casa, tragedia sfiorata durante la "tirata"
Avellino, armato di pistola esplode colpi a Corso Europa. Fermato 50enne
Gogna consiglieri, Ugo Maggio: "Rinnovo l'invito a moderare i toni"
Prezzi non esposti in vetrina, multe per 3mila euro a 16 negozi di Avellino e Atripalda
Avellino, sequestro di frutta e verdura a Pianodardine
Ritirati dagli scaffali di un negozio di Avellino 44mila giocattoli pericolosi
Calcio Avellino, De Cesare: "Siamo pronti al ripescaggio in C, ma facciamo le cose per gradi"
Bottiglie di acqua "Santa Croce" ritirate dal mercato
Festival del Cinema a Taurasi, al via la prima edizione. Concorsi, mostre e concerti
Assalto allo store di elettronica, rubati cellulari e computer

 

Avellino, un apprezzamento ad una ragazza sui social scatena la rissa a San Tommaso

Denunciati tre giovani

La Volante della Polizia

(La Volante della Polizia)
(Foto: Irpiniareport)

Gli Agenti della Sezione Volanti hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Avellino un 53enne, un 30enne ed un 37enne, tutti di Avellino, responsabili, in concorso di rissa e lesioni personali. L’episodio, avuto luogo in prossimità di un bar del Rione San Tommaso di Avellino, è scaturito a seguito di alcuni post e fotografie sul portale Instagram, nel quale erano stati rivolti espliciti apprezzamenti nei confronti di una ragazza avellinese, fidanzata di uno degli indagati, non particolarmente graditi. Sembrava che tutto si fosse rivolto con offese e minacce sul social network, ma così non è stato, tenuto conto che i soggetti coinvolti si sono affrontati tra loro a viso aperto per un semplice chiarimento, che da verbale è immediatamente scaturito in rissa, nella quale, il corrissante 30enne, è stato costretto a ricorrere alle cure mediche del personale medico del Moscati. Le immediate indagini avviate dai poliziotti, grazie anche alla collaborazione di alcuni testimoni, hanno consentito di identificare i responsabili, tutti incensurati, che sono stati denunciati in stato di libertà

Condividi