IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Raid nelle ville a Starze di Summonte. Rubati denaro, gioielli e oggetti di valore
Avellino, finalmente arriva il Natale in città. Da sabato l'allestimento delle luci
Spiava i propri dipendenti con telecamere nascoste, denunciato imprenditore agricolo
Sgominata banda di narcotrafficanti, 17 arresti. La droga sequestrata era destinata anche ad Avellino
Ordigni bellici nel torrente Salaco a Volturara
Choc ad Avellino in via Fratelli Bisogno, 54enne ritrovato cadavere
Avellino, studente investito da un'auto pirata a piazza Kennedy
Si alza il sipario su "Natale ad Aiello"
Condannato per furti, ai domiciliari 40enne
Lesioni e porto abusivo d'armi, in manette 30enne

 

Sorpresa dalla polizia con 62 grammi di hashish, nei guai 19enne di Avellino

L'auto della polizia

(L'auto della polizia)
(Foto: Irpiniareport)

Gli Agenti del Commissariato di Cervinara, nel novero dei servizi finalizzati al contrasto dello spaccio ed uso di sostanza stupefacenti hanno denunziato, alla Procura della Repubblica di Benevento, una 19enne di Avellino e una 29enne di Benevento, entrambe residenti in Cervinara, perché responsabili di detenzione ai fini dello spaccio di sostanza psicotrope. I poliziotti, a conclusione di una mirata attività investigativa erano riusciti ad accertare che le due giovani pusher, spesso in gita a Napoli, sarebbero rientrate, nella serata di ieri a bordo di un treno proveniente dalla città partenopea, ove, presumibilmente, si erano recate per lacquisto di sostanze stupefacenti. Di fatto, gli Agenti, appostatisi in prossimità della stazione, attendevano larrivo del diretto regionale e una volta vistele scese da treno, procedevano immediatamente alla loro identificazione per poi passare ad eseguire unaccurata perquisizione nelle rispettive borse a tracolla. Lesito della perquisizione sortiva esito positivo, in quanto, nella borsa della 29enne veniva rinvenuta un busta in cellophane contenente circa 62 grammi di hashish. Le stesse, mostrando un atteggiamento poco collaborativo ed irriverente venivano condotte in Commissariato ed al termine degli accertamenti di rito denunziate in stato di libertà.

Condividi