IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Litiga con la fidanzata e si lancia giù dal ponte, salvato in extremis
Avellino, spacciava droga a minorenni in via Mancini. Arrestato 20enne
Avellino, 25enne pestato a sangue in un locale del centro storico
Casa squillo nella periferia avellinese, nei guai una 35enne
Avellino, travolge un'auto con a bordo 4 giovani in viale Italia e fugge
Dramma sull'Ofantina, muore 21enne
Serino, cocaina nascosta nell'area pic-nic: arrestato 43enne
Atripalda, incidente sulla Variante: ferito giovane motociclista
Un Gratta e Vinci da 2 milioni di euro ad Ariano
Rimane con l'auto bloccata sui binari mentre sta passando il treno, paura per un irpino

 

Sorpresa dalla polizia con 62 grammi di hashish, nei guai 19enne di Avellino

L'auto della polizia

(L'auto della polizia)
(Foto: Irpiniareport)

Gli Agenti del Commissariato di Cervinara, nel novero dei servizi finalizzati al contrasto dello spaccio ed uso di sostanza stupefacenti hanno denunziato, alla Procura della Repubblica di Benevento, una 19enne di Avellino e una 29enne di Benevento, entrambe residenti in Cervinara, perché responsabili di detenzione ai fini dello spaccio di sostanza psicotrope. I poliziotti, a conclusione di una mirata attività investigativa erano riusciti ad accertare che le due giovani pusher, spesso in gita a Napoli, sarebbero rientrate, nella serata di ieri a bordo di un treno proveniente dalla città partenopea, ove, presumibilmente, si erano recate per lacquisto di sostanze stupefacenti. Di fatto, gli Agenti, appostatisi in prossimità della stazione, attendevano larrivo del diretto regionale e una volta vistele scese da treno, procedevano immediatamente alla loro identificazione per poi passare ad eseguire unaccurata perquisizione nelle rispettive borse a tracolla. Lesito della perquisizione sortiva esito positivo, in quanto, nella borsa della 29enne veniva rinvenuta un busta in cellophane contenente circa 62 grammi di hashish. Le stesse, mostrando un atteggiamento poco collaborativo ed irriverente venivano condotte in Commissariato ed al termine degli accertamenti di rito denunziate in stato di libertà.

Condividi