IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Allerta meteo, torna la neve in Irpinia
Diplomi falsi, 6 arresti. Coinvolto anche un funzionario del Provveditorato agli Studi di Avellino
Monteforte Irpino, 19enne si lancia dal balcone
Trovato morto in casa, mistero sulle cause
Investito da un'auto, in ospedale anziano. S'indaga
Non mandano il figlio a scuola, denunciati i genitori
Andretta, 50enne arrestata per truffa
Sversamento di rifiuti nel fiume Sele, nei guai un allevatore
In giro con una mazza da baseball, denunciato 20enne
Al Teatro Gesualdo le note di "Essenze Jazz" di Eduardo De Crescenzo e la sua band

 

Furti e rapine ai danni di commercianti, arrestati due arianesi

Arresto dei carabinieri

(Arresto dei carabinieri)
(Foto: Carabinieri)

 Questa mattina è stata data esecuzione a  una ordinanza emessa dal locale Giudice per le indagini preliminari, a seguito di richiesta dei magistrati della Procura della Repubblica di Benevento, di applicazione della custodia cautelare nei confronti di  due  persone di  Ariano Irpino, gravemente indiziate della commissione, in concorso tra loro, di cinque furti aggravati perpetrati in pregiudizio di esercizi commerciali  dell’Arianese  nonché, nei confronti di uno di loro, anche del delitto di rapina  e di un altro furto consumato sempre in danno di esercizi commerciali di Ariano  Irpino.

 Gli episodi criminosi risalgono, allo scorso mese di ottobre 2018, allorché i due soggetti attraverso le condotte delittuose, hanno letteralmente seminato il panico tra i commercianti dell’Arianese e dei comuni limitrofi.

Le indagini esperite, con il coordinamento dei magistrati  della scrivente  Procura,  tra le forze di Polizia locali in particolate dal Nucleo Operativo della Compagnia  Carabinieri di Ariano Irpino  e dal Commissariato della Polizia di Stato  di Ariano  Irpino, hanno permesso di acquisire decisivi elementi indiziari al fine di dimostrare il coinvolgimento dei due soggetti negli allarmanti episodi criminosi.

In esecuzione della ordinanza cautelare emessa dal Gip, uno dei due indagati è stato associato presso la locale Casa Circondariale,  mentre  l’altro in regime di arresti domiciliari, presso la propria abitazione .

Condividi