IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Tumore al seno e al collo dell'utero, parte da Avellino il tour del Camper della Salute
Grande successo per il 3° Torneo di Tennis "Carmine Spina"
Autostrada A16, chiuso da stasera il tratto tra Avellino Ovest – Baiano
Rissa tra due famiglie, denunciati in otto
Nuovo raid al cimitero di Avellino, ladri in azione con la sega circolare
Crolla una casa per il vento e spuntano due ordigni bellici nelle pareti
Lancia acido muriatico contro la vicina: arrestato 65enne di Lapio
Cesinali, casa in fiamme: paura alla località Nocelleto
Provincia, assegnate le deleghe ai consiglieri. Il presidente Biancardi ha firmato il decreto
Avellino, maxi sequestro di pesce e molluschi. Denunciato 41enne

 

Benedizione degli animali a Cesinali, nel cuore antico si rinnova la tradizione

La benedizione degli animali

(La benedizione degli animali)
(Foto: Irpiniareport)

Suggestiva la benedizione degli animali a Cesinali. Nel cuore antico del paese si è rinnovata la tradizione di Sant’Antonio Abate, protettore delle bestie. Un evento che da secoli attira i fedeli del posto e tanti provenienti da altre province. Mucche, tori, cani, cavalli, asini, conigli, galli, ma anche iguana e pitoni. Tutti bardati a festa. La comunità di Cesinali è particolarmente legata a questo appuntamento, che si tramanda da generazioni sempre con interesse ed entusiasmo immutato. “Chi festeggia Sant'Antuono, tutto l'anno 'o pass' bbuon”, il proverbio pronunciato in modo particolare dagli anziani. Dopo la benedizione, si è svolta la processione per le strade di campagna di Cesinali con il Santo trasportato a bordo di un trattore. In serata la degustazione delle prelibatezze locali attorno al falò in piazza Enrico Cocchia, dove c’è l’antica cappella che custodisce la statua di Sant’Antonio Abate.

Condividi