IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Perde il controllo e si schianta contro il muro, paura per due anziani sull'A16
Auto sbanda e si ribalta, ferita una ragazza
Ragazzina beve alcolici e finisce in ospedale, denunciato il titolare del bar
Serino, sequestrati 800 grammi di droga occultata in casa. Un arresto e due denunce
Allerta meteo in Campania, pioggia e vento anche in Irpinia
Danni al comparto agricolo per la grandinata, Ordine Agronomi Avellino: "Proclamare lo stato di calamità naturale e disporre aiuti alle imprese"
Ofantina, al via i lavori in località Montechiuppo a Manocalzati. Code nelle ore di punta
Grandine in Irpinia distrugge frutteti e vigneti, danni ingenti
Gestione illecita di prodotti alimentari, denuncia e sanzione per un'azienda agricola
Sbanda e finisce nella scarpata, ferita 35enne

 

Picchia e minaccia la madre, arrestato 30enne

Arresto dei carabinieri

(Arresto dei carabinieri)
(Foto: Carabinieri)

I Carabinieri della Stazione di Mirabella Eclano, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa della libertà vigilata emessa dall’Ufficio G.I.P. del Tribunale di Benevento nei confronti di un 30enne del luogo, autore di diversi episodi di maltrattamenti, minacce e percosse nei confronti della propria madre. Grazie ad una costante attività info-investigativa, i militari dell’Arma sono riusciti a riscostruire i diversi atteggiamenti vessatori attuati dal figlio verso la propria genitrice che in diversi casi sopportava i maltrattamenti del figlio al fine di evitare che lo stesso incorresse in problemi con la giustizia e, per scongiurare ben più gravi conseguenze, si chiudeva nella stanza da letto. La Procura della Repubblica di Benevento, condividendo i probanti elementi forniti dai Carabinieri, richiedeva quindi nei confronti del giovane l’emissione di tale misura di sicurezza. Ieri, dopo gli accertamenti previsti, il 30enne è stato tradotto presso una struttura terapeutica dove alloggerà per un periodo minimo di sessanta giorni, per poi proseguire la misura all’esterno per complessivi di dodici mesi.

Condividi