IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Aiello del Sabato, sorpresi a coltivare droga nei campi. Nei guai marito e moglie
Avellino, truffatore maldestro cade per le scale e si frattura un femore
Assalto in una gioielleria, razzia di orologi e oro. Bottino da quantificare
Tenta il suicidio assumendo psicofarmaci, 34enne salvata in extremis
Fiamme a un deposito, paura per i residenti della zona
Non corre pericolo di vita il 20enne colpito al volto con una mannaia da macellaio
Identificato il cadavere nella piscina: si tratta di un pastore. È mistero sulla morte
Cadavere di un uomo rinvenuto nella piscina, choc in una villa
Avellino, ragazzo investito in via Circumvallazione finisce in ospedale
Litiga con la moglie e tenta di darle fuoco con la benzina. In manette 46enne

 

Tenta di truffare on line una ragazza di Monteforte ma viene scoperta. Ventenne nei guai

Computer

(Computer)
(Foto: Irpiniareport)

I Carabinieri della Stazione di Monteforte Irpino hanno denunciato alla competente Autorità Giudiziaria una ventenne della provincia di Vercelli ritenuta responsabile di truffa. A cadere nella sua trappola, una ragazza del citato Comune irpino che, in cerca di un buon affare, veniva attratta dal prezzo oltremodo conveniente di un Iphone in vendita su un noto sito di annunci on-line. Ignara del raggiro in cui sarebbe incappata, effettuava il pagamento mediante il versamento dell’importo di 70 euro su carta prepagata. Ma, ricevuta la somma pattuita, la fittizia venditrice ometteva la consegna dello smartphone e si rendeva irreperibile. Attraverso una serie di accertamenti i militari dell’Arma sono riusciti ad identificare la presunta malfattrice per la quale, alla luce delle evidenze emerse, è scattata la denuncia in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria. Si ricordano ancora una volta gli utili consigli riportati con l’iniziativa “Difenditi dalle truffe”, nata per forte volontà dal Comando Provinciale Carabinieri di Avellino ed attuata in modo capillare sul territorio da parte di tutti i reparti dipendenti, per la specifica prevenzione di tale reato predatorio. È importante saper riconoscere le situazioni più a rischio e, di conseguenza, i comportamenti da assumere, diffidando sempre degli acquisti oltremodo convenienti, trattandosi verosimilmente di una truffa o di prodotti rubati.

Condividi