IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Rally dell'Irpinia, 40 anni fa la storica vittoria di Napolillo-Cirillo
Festa della scuola ad Aiello del Sabato, l'iniziativa promossa dal vicesindaco Gaeta
"Verde urbano in condizioni disastrose e inquinamento dell'aria: subito interventi". L'allarme dell'Ordine Agronomi
Bomba da mortaio in un castagneto, paura ad Ospedaletto
Altacauda, Alzacunda, Altavilla Irpina: Storia di Gentes Romane e fonti di acqua termale
Avellino, 65enne rinvenuta cadavere in Cavour: s'indaga
Affitti, 45 milioni per il sostegno alle famiglie
Le graduatorie misure 411 e Psr Campania 2014-2020, Federazione Agronomi: "Finanziare tutte le istanze e snellire le procedure"
Sequestro di persona, arrestato 60enne di Avella
Ai medici e agli infermieri del Moscati pizze in dono dalla Taverna De Gustibus di Cesinali

 

Torna il maltempo in Irpinia, da domani piogge forti e temporali

maltempo

(maltempo)
(Foto: Irpiniareport)

Torna il maltempo. La Protezione civile regionale ha emanato un avviso di allerta meteo per piogge e temporali con criticità idrogeologica di livello Giallo su buona parte del territorio campano a partire dalle 9 di domani. Su tutte le zone ad esclusione della 4 (Alta Irpinia e Sannio) e della 7 (Tanagro) si prevedono “precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, puntualmente anche di moderata intensità”. Nel bollettino sono indicate anche “possibili raffiche di vento nei temporali”. Il rischio idrogeologico e, in particolare il possibile fenomeno di frane superficiali, – è evidenziato nell’avviso – potrebbe essere acuito in bacini e territori particolarmente fragili a causa degli effetti delle precipitazioni dei giorni scorsi e, in particolare, della saturazione dei suoli. Tra gli altri effetti al suolo previsti sono indicati: “Ruscellamenti superficiali con possibili fenomeni di trasporto di materiale; allagamenti di locali interrati e di quelli a pian terreno; scorrimento superficiale delle acque nelle sedi stradali e possibili fenomeni di rigurgito dei sistemi di smaltimento delle acque meteoriche con tracimazione e coinvolgimento delle aree urbane depresse; innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua minori, con inondazioni delle aree limitrofe, anche per effetto di criticità locali (tombature, restringimenti, ecc); possibili cadute massi in più punti del territorio”. La Protezione civile raccomanda alle autorità competenti di “porre in essere tutte le misure atte a prevenire e contrastare i fenomeni attesi sia in ordine alle precipitazioni piovose che in relazione alle sollecitazioni dei venti e del moto ondoso”.

Condividi