IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Rally dell'Irpinia, 40 anni fa la storica vittoria di Napolillo-Cirillo
Festa della scuola ad Aiello del Sabato, l'iniziativa promossa dal vicesindaco Gaeta
"Verde urbano in condizioni disastrose e inquinamento dell'aria: subito interventi". L'allarme dell'Ordine Agronomi
Bomba da mortaio in un castagneto, paura ad Ospedaletto
Altacauda, Alzacunda, Altavilla Irpina: Storia di Gentes Romane e fonti di acqua termale
Avellino, 65enne rinvenuta cadavere in Cavour: s'indaga
Affitti, 45 milioni per il sostegno alle famiglie
Le graduatorie misure 411 e Psr Campania 2014-2020, Federazione Agronomi: "Finanziare tutte le istanze e snellire le procedure"
Sequestro di persona, arrestato 60enne di Avella
Ai medici e agli infermieri del Moscati pizze in dono dalla Taverna De Gustibus di Cesinali

 

Francesco Renga in concerto al Teatro Gesualdo

in programma sabato 16 novembre

Teatro Gesualdo

(Teatro Gesualdo)
(Foto: Lorem Ipse)

Continua la corsa all’acquisto dei biglietti per l’attesissimo concerto di Francesco Renga che, sabato 16 novembre, si esibirà al Teatro “Carlo Gesualdo” di Avellino. La tappa di Avellino si inserisce nel lungo tour del cantautore che, in poco più di due mesi, si esibirà sui palchi dei principali teatri della penisola per presentare al pubblico il suo ultimo disco di inediti “L’altra metà” e i suoi più grandi successi di repertorio. Renga sarà accompagnato sul palco dai musicisti Fulvio Arnoldi (chitarra acustica e tastiere), Vincenzo Messina (pianoforte e tastiere), Stefano Brandoni (chitarre), Heggy Vezzano (chitarre), Phil Mer (batteria) e Gabriele Cannarozzo (basso). Continua intanto la campagna abbonamenti per i Cartelloni “Teatro Civile”, “Teatro Danza” e “Tradizione & Comicità”. Disponibili anche i biglietti per i singoli spettacoli. Per il “Teatro Danza” il primo appuntamento è per mercoledì 13 novembre con la Compagnia Korper con “Vivianesque”, balletto in un solo atto. L’esibizione è un affresco delle opere di Raffaele Viviani reinterpretate attraverso il linguaggio della danza contemporanea. Un omaggio al teatro del grande commediografo, attore e regista napoletano attraverso i corpi dei ballerini impegnati in mirabolanti coreografie che ne restituiscono il senso, gli umori, i colori, alla luce di una Napoli odierna.

Condividi