IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Perde il controllo e si schianta contro il muro, paura per due anziani sull'A16
Auto sbanda e si ribalta, ferita una ragazza
Ragazzina beve alcolici e finisce in ospedale, denunciato il titolare del bar
Serino, sequestrati 800 grammi di droga occultata in casa. Un arresto e due denunce
Allerta meteo in Campania, pioggia e vento anche in Irpinia
Danni al comparto agricolo per la grandinata, Ordine Agronomi Avellino: "Proclamare lo stato di calamità naturale e disporre aiuti alle imprese"
Ofantina, al via i lavori in località Montechiuppo a Manocalzati. Code nelle ore di punta
Grandine in Irpinia distrugge frutteti e vigneti, danni ingenti
Gestione illecita di prodotti alimentari, denuncia e sanzione per un'azienda agricola
Sbanda e finisce nella scarpata, ferita 35enne

 

Grande Progetto Risanamento ambientale dei corpi idrici superficiali delle aree interne, al via le autorizzazioni per gli interventi

Palazzo Caracciolo - sede della Provincia

(Palazzo Caracciolo - sede della Provincia )
(Foto: Irpiniareport)

La Provincia di Avellino, in prosecuzione dell’attività di coordinamento tra le Amministrazioni locali, la Regione Campania e le imprese impegnate nella realizzazione degli interventi previsti dal “Grande Progetto Risanamento ambientale dei corpi idrici superficiali delle aree interne” sta rilasciando una serie di autorizzazioni, per la parte di propria competenza, al fine di consentire i lavori previsti sul territorio irpino. Sono ventidue i Comuni interessati. L’investimento complessivo in Irpinia è pari a 33 milioni di euro. Tali Comuni sono stati individuati alcuni anni fa dalla Provincia di Avellino, d’intesa con l’Assessorato Regionale all’Ambiente, in quanto ricadenti nei bacini dei fiumi Sabato, Calore, Ufita e Miscano. Il piano prevede il ripristino degli impianti di depurazione, il completamento della collettazione delle acque nere e dei sistemi fognari, la realizzazione di opere finalizzate all’integrazione dei sistemi fognari e delle opere annesse, nonché di impianti di depurazione delle acque. Le opere determineranno, tra l’altro, un miglioramento della qualità delle acque dei fiumi, con tutti i benefici che ne derivano per l’ambiente. La Provincia, attraverso i propri uffici, continuerà ad assicurare la massima collaborazione.

Condividi