IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, schianto alla frazione Picarelli: due feriti
Spaccio di droga ad Atripalda, arrestato 40enne
Avellino, furti nei supermercati: fermati 4 rumeni
Lo chef Gianluigi Cipriano dona zeppole al reparto Covid del Moscati
Avellino, scoppia incendio in un garage. Paura a Rione San Tommaso
Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, il bilancio dei Carabinieri: 54 arresti e 328 denunce
Cerealicoltura anima fertile dell'Irpinia, Picariello (Ordine Agronomi): "Bene l’associazionismo nel settore per crescere e fare impresa"
Furti, bloccato immigrato clandestino. Si aggirava con fare sospetto tra le abitazioni
“Panettone più buono d’Italia”, Pompilio Giardino di Ariano Irpino conquista il secondo posto
Ricettazione e riciclaggio di volumi antichi e armi medievali, arrestato il responsabile del Museo di Ariano Irpino

 

Il Comune di Mercogliano si costituisce parte civile nel processo clan Partenio

Il Tribunale di Avellino

(Il Tribunale di Avellino)
(Foto: Carmine Bellabona)

Il comune di Mercogliano si costituisce parte civile nel processo clan Partenio. Il commento del Sindaco Vittorio D'Alessio a margine della decisione di stamattina: "Come già preannunciato nei giorni scorsi, ho deciso, in accordo con la Giunta, che il comune di Mercogliano si costituirà parte civile nel processo a carico dei presunti promotori e componenti del c.d. clan Partenio. La decisione rispecchia il costante e quotidiano impegno rivolto alla riaffermazione della legalità e della tutela dell'ordine pubblico, a garanzia di una costante attività finalizzata al progresso ed al benessere della comunità che guido. Sono convinto più che mai che la legalità si pratica e non si predica, è fatta di azioni che, concretamente, ogni giorno, attraverso la trasparenza e l'imparzialità dell'azione della pubblica amministrazione, tracciano il percorso di rinascita e sviluppo della città. Sulla scelta di costituzione di parte civile abbiamo ragionato ampiamente, anche con i nostri avvocati, perché non volevamo rischiare di scivolare in scelte affrettate e solo di facciata, in linea con il nostro preferire le azioni più che le spettacolarizzazioni. Alla fine abbiamo deciso di costituirci perchè abbiamo valutato ogni aspetto della questione ed all'unanimità siamo stati concordi ad imboccare questa strada, anche per sgomberare il campo da equivoci e possibili fraintendimenti."

Condividi