IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, schianto alla frazione Picarelli: due feriti
Spaccio di droga ad Atripalda, arrestato 40enne
Avellino, furti nei supermercati: fermati 4 rumeni
Lo chef Gianluigi Cipriano dona zeppole al reparto Covid del Moscati
Avellino, scoppia incendio in un garage. Paura a Rione San Tommaso
Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, il bilancio dei Carabinieri: 54 arresti e 328 denunce
Cerealicoltura anima fertile dell'Irpinia, Picariello (Ordine Agronomi): "Bene l’associazionismo nel settore per crescere e fare impresa"
Furti, bloccato immigrato clandestino. Si aggirava con fare sospetto tra le abitazioni
“Panettone più buono d’Italia”, Pompilio Giardino di Ariano Irpino conquista il secondo posto
Ricettazione e riciclaggio di volumi antichi e armi medievali, arrestato il responsabile del Museo di Ariano Irpino

 

Scuola, i sindacati chiedono di rimandare l'apertura

High-quality fake rolex at low prices! Welcome to our website kopiorklockor.se

Scuola

(Scuola)
(Foto: Irpiniareport)

Le OO.SS. della Scuola della provincia di Avellino, in considerazione della persistente emergenza sanitaria e dei sacrifici cui tutti siamo chiamati, in un territorio definito “zona rossa”, per contrastare la diffusione del virus, ritengono opportuno chiedere il differimento della parziale ripresa dell’attività scolastica in presenza a partire dal prossimo 24 novembre. Pur riconoscendo le esigenze manifestate da diverse famiglie e le difficoltà della Didattica a Distanza soprattutto nella Scuola dell’Infanzia e nelle classi iniziali della Scuola Primaria, evidenziano, nel contempo, che proprio nelle fasce più basse di età si incontrano maggiori ostacoli nella gestione dei protocolli sulla sicurezza tanto che molti genitori, timorosi per la salute dei propri figli, già in precedenza avevano preferito non far frequentare loro le attività in presenza. Ci sono, poi, per l’elevato numero di richieste, evidenti difficoltà realizzative dello screening volontario con test antigenici destinato al personale scolastico, agli alunni e alle loro famiglie. Le OO.SS. ritengono, pertanto, che in questa fase sia necessario evitare ogni azione che possa limitare il diritto alla salute degli alunni, delle loro famiglie e di tutti gli operatori scolastici, nonché vanificare in parte quanto fatto sinora per il contrasto della pandemia

Condividi