IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Stop al diabete: tre giornate di screening gratuiti a San Michele, Santa Lucia e Serino
Medico muore durante il turno di notte, s'indaga
Sequestro di caciocavalli in un caseificio, nei guai la titolare
Alla ricerca di funghi senza autorizzazione, multe salate per due uomini
Capannone agricolo adibito a officina meccanica, denunciati i titolari
Irpinia Sistema Turistico fa tappa a Sant'Angelo dei Lombardi. Focus sul gas radon
Agronomi e funzionari dell’Arpac a confronto sulle attività agroalimentari
Avellino, forzano un posto di blocco e nella fuga tentano di investire un agente. Nei guai 2 ragazzi
Incidente sul lavoro, operaio cade da una scala di tre metri
Ad Avellino fa tappa Chocolate Days, la festa del cioccolato tradizionale

 

Federazione Giovani Socialisti Lioni: "Straordinario il Project Village"

Il grazie del gruppo

Federazione Giovani Socialisti

(Federazione Giovani Socialisti)
(Foto: Irpiniareport)

La FGS di Lioni ringrazia di cuore “gli amici di Project Village per le splendide giornate trascorse insieme, e si sente in dovere di farlo perché questi ragazzi, con il supporto dalla vulcanica e tenace Dora, hanno ridestato in noi qualcosa di sopito e antico, come l’amore per la nostra terra.
Meritano un grazie perché lo hanno fatto per il piacere di stare insieme, per regalare un sorriso, per il gusto della meraviglia; lo hanno fatto perché, come dice il buon Daniel, vogliono trasferirci un metodo e non lasciarci una semplice esperienza, lo hanno fatto per farci capire che per rendere vivi i nostri stupendi paesi basta davvero poco: un po’ di entusiasmo, un pizzico di volontà, una spolverata di impegno, partecipazione condivisione e aggregazione in quantità, e il piatto è pronto, ed è uno di quei pasti che ti accompagnano tutta la vita. Ci hanno aiutato a ricordare quanto sia realmente stupenda la nostra verde e accogliente Irpinia, lo hanno fatto attraverso gli occhi sbigottiti di simpaticissimi vietnamiti, tramite le espressioni meravigliate di tedesche latine, o di spagnoli scandinavi, ci sono riusciti con la complicità dei simpaticissimi e amabili vecchietti autoctoni che ci hanno accompagnato fino all’alba con canti e con vino e con la loro adorabile accoglienza, ci hanno re insegnato quanto sia meraviglioso lo stare insieme e quanto aiuti a star bene ed in pace con i nostri luoghi. Lo hanno fatto perché lo hanno imparato in giro per il mondo, e perché sanno quanto sia unico ciò che abbiamo noi: amabili e tranquilli paesaggi immersi nel verde a riparo dallo stress delle città, affetto semplice e disinteressato per chiunque condivida insieme a noi anche solo pochi istanti , sentimenti veri e rari che fanno grandi gli uomini e riempiono la vita.
Ci sono riusciti nonostante l’ottusa arroganza di alcuni amministratori che avrebbero voluto negarci la gioia di questi momenti, che vogliono convincerci che essere Irpini non sia qualcosa di cui andare fieri, che non hanno però fatto i conti con l’impeto inarrestabile della gioventù, con la forza titanica che si sprigiona dall’amore viscerale per questa nostra terra. E’ anche per questo che li ringraziamo, perché nonostante il sindaco della nostra Lioni creda che promuovere il turismo voglia dire organizzare convegni barbosi in cui non si fa null’altro che parlare con retorica stantia, o sbandierare al vento una sigla quasi impronunciabile di un ente che dovrebbe promuovere il turismo e di cui nulla si ricorda se non le ingenti sovvenzioni pubbliche ricevute, ritenendo quindi non opportuno regalare a noi lionesi giorni di vera ed incontaminata gioia, ci è stato concesso lo stesso di partecipare alla festa della nostra Irpinia senza impedimenti di sorta, perché l’Irpinia siamo noi, ragazze e ragazzi che non hanno perso la voglia di combattere per la nostra terra, nonostante le barriere artatamente create dai soloni di turno che farebbero tranquillamente a meno dei nostri territori se non avessero bisogno dei nostri voti, e a cui invece non permetteremo di sottrarci tutto ciò che ci spetta: la possibilità di vivere in pace ed armonia con la nostra terra, che ha tanto da dare e a cui vogliamo dare ancora tanto.
Grazie ragazzi, grazie a tutti, ad Alessandra, Mimmo, Elena, Maria Chiara, Serena, Ciccio, un brindisi allo Staff e a tutti gli Erasmus, di cui non ricorderemo mai il nome ma che ci hanno arricchiti con un pezzettino indelebile della loro vita, grazie per averci donato quest’esperienza meravigliosa ed quest’insegnamento prezioso che non dimenticheremo. Vi diamo la nostra parola che saremo con voi per far si che tutto ciò possa avere un seguito, per consentire a tutti quelli che non hanno potuto, di gioire con noi delle meraviglie della nostra terra e della nostra gioventù, insieme e con rinnovata speranza”.

Condividi