web1

facebook
whatsapp
image-452

facebook

Api, la danza dell'ottovolante a caccia di cibo

2022-01-16 21:06

author

Selvaggio e Libero, api, danza, selvaggio,

Api, la danza dell'ottovolante a caccia di cibo

Il fascino di un volo particolare

screenshot_20220118-031105_samsung-internet.jpeg

(di Flavia Balestra) Le api utilizzano una interessante e complessa strategia per scambiarsi informazioni, soprattutto riguardo al cibo. Si chiama “waggle dance”, tradotta in “danza oscillante o movimento ad 8” e si pensa sia un comportamento evolutosi in più di venti milioni di anni. Il primo a studiarla ed interpretarla fu Karl von Frisch un etologo che, insieme a Nikolaas Tinbergen e Konrad Lorenz, vinse il premio Nobel per la Medicina nel 1973. Tramite questa danza le api comunicano la posizione, l’odore e la qualità dell’ambiente in cui hanno notato una risorsa: ciò diminuisce il tempo di ricerca del cibo per un altro individuo del gruppo (l’ape worker) rispetto ad altri siti con probabili fonti di cibo più scadenti ricercati da api che lavorano autonomamente (api scouts).

La danza è strutturata in diverse fasi: la prima chiamata “fase di oscillazione” dove gli individui si muovono energicamente da un lato e dall’altro, dopodiché c'è la “fase di ritorno” (return phase): si girano bruscamente a destra e a sinistra per ricominciare poi con la prima fase. Al termine della “seconda danza”, l’ape torna in direzione opposta e, ogni due circuiti, formerà la figura ad otto. A quanto pare, l’informazione sulla direzione è contenuta proprio nell’angolo formato durante la prima fase poiché il corpo dell’animale essendo verticale, durante la danza si allinea creando un angolo simile a quello formato dalla risorsa e dalla posizione del sole (luce). La distanza viene tradotta grazie alla durata della prima fase e al “grado” di scuotimento dell’animale, poiché maggiore sarà, più la risorsa si troverà vicino. Al contrario, se l’oscillazione dovesse durare molto significa che è più lontana.

Si crede che gli antenati delle api che oggi conosciamo, utilizzassero questa metodologia per incoraggiare gli altri membri del gruppo a cercare il cibo. I movimenti erano di diversi tipi: tremore, zig-zag, ronzii e scontri con altri compagni di nido. Anche in altri animali come vespe, bombi e formiche si è visto un comportamento molto simile. Diversi studi negli anni sostengono, però, che le api con precedente esperienza ignorano determinate informazioni riguardo questa danza e si affidano maggiormente ai loro ricordi olfattivi.

Come non riportare qui con reale preoccupazione la teoria di Albert Einstein?

 “Se un giorno le api dovessero scomparire, all'uomo resterebbero soltanto quattro anni di vita”

 

RIFERIMENTI LETTERARI:

Grüter C, Farina WM (2009): "La danza oscillante delle api: possiamo seguire i passaggi?"

Johnson D.L. “Communication among honeybees with field experience” (1967)

 

Un video dimostrativo ed interessante mostra qui la danza:

https://www.youtube.com/watch?v=-7ijI-g4jHg

 

immagine-ape-3.jpegimmagine-ape-2.jpegimmagine-ape-1-(1).jpeg
screenshot_20220109-003121_gmail.jpeg

"Selvaggio e Libero” è una rubrica che riguarda il mondo animale, sconfinato ed estremo, potente e brutale ma anche tenero. È un’occasione per scoprire in ottica scientifica tante curiosità che riguardano la sfera faunistica tanto lontana quanto vicina a quella umana.
Per poter comprendere al meglio gli animali occorre allontanarsi dal concetto antropomorfico (l'attribuzione di caratteristiche e qualità umane) al quale spesso erroneamente tendiamo, soprattutto nei confronti di altri esseri viventi.

INFO AUTRICE: Dottoressa Flavia Balestra, classe 1998, laureata in Produzioni Animali all’Università di Bologna e attualmente specializzanda in Etologia. Da sempre appassionata e curiosa del mondo animale e naturalistico, psicologico e letterario. Da 10 anni volontaria animalista in canili e centri di recupero.
Contatti: flavia.balestra@libero.it

Direttore responsabile Katiuscia Guarino
​redazione@irpiniareport.it

Irpinia Report - Quotidiano d'informazione della Campania e della Provincia di Avellino. Registrazione Tribunale di Avellino n.1/2011 del 3 febbraio 2011
Copyright © Irpinia Report Partita IVA: 02606770648 - Tutti i diritti sono riservati. Vietata la riproduzione, anche parziale, senza inequivocabile autorizzazione dell'editore

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder